This content is not available in your region

Paura intorno alla centrale di Zaporizhzhia

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
Image
Image   -   Diritti d'autore  YURI KADOBNOV/AFP or licensors   -  

La Russia ha assicurato sabato di aver respinto un altro tentativo da parte dell'Ucraina di riprendere la centrale nucleare di Zaporiyia, controllata da marzo dalle forze russe.

Igor Konashekov, portavoce russo: "Nonostante la presenza di rappresentanti dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) presso la centrale nucleare di Zaporiyia, il regime di Kiev ha tentato ancora una volta di sequestrare la centrale", ha affermato il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

Secondo la versione russa, questo venerdì due gruppi di barche e motoscafi con un numero totale di oltre 250 persone di forze speciali e mercenari" hanno cercato di attraccare sulla riva del bacino di Kakhovka, vicino alla città di Energodar, che ospita la centrale nucleare.

I russi si sarebbero difesi, ma non ci sono prove che possano mostrare la veridicità dei fatti

Sabato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha offerto al suo omologo russo Vladimir Putin la mediazione della Turchia per aiutare a risolvere la crisi sulla centrale nucleare ucraina di Zaporizhia.

In una conversazione telefonica Erdogan ha affermato che la Turchia può svolgere un ruolo di facilitatore sulla centrale nucleare di Zaporizhia, come ha fatto per l'accordo sul grano" a luglio.

Mentre russi e ucraini si accusano a vicenda di attacchi alla centrale nucleare, la paura attanaglia la popolazione delle località vicine.

Natalia Stokoz, madre di tre bambini, vive a Zorya, un piccolo villaggio a circa 20 chilometri dalla centrale nucleare. Quasi tutti i giorni ascolta il suono delle esplosioni, ma non sono solo i bombardamenti a spaventarla.

Dice: "Il timore è che accada qualcosa alla centrale nucleare, perché i bambini e gli adulti saranno colpiti, ed è spaventoso se la centrale esplode. Il villaggio è vicino".

A scopo precauzionale, le autorità hanno distribuito pastiglie e mascherine di iodio ai residenti della zona.

1:08 Vari di Marina Isaieva, sua figlia di sei anni, Zlata, e altre madri e bambini che scattano foto fuori dalla scuola dove vengono distribuite le pillole di iodio (e dove le ragazze erano solite frequentare le lezioni)

Hanno anche distribuito pillole di iodio nella città di Zaporizhzhia, che si trova a circa 50 chilometri dalla centrale nucleare.