Disastro ecologico nel fiume Oder: "dodici anni di lavoro buttati all'aria"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Pesce morto nel fiume Oder, in Polonia
Pesce morto nel fiume Oder, in Polonia   -   Diritti d'autore  Frank Hammerschmidt/(c) Copyright 2022, dpa (www.dpa.de). Alle Rechte vorbehalten   -  

Un disastro ecologico, dalle ripercussioni economiche ed ecologiche devastanti: la moria di pesci nel fiume Oder, tra Polonia e Germania, rappresenta un colpo durissimo all'economia locale. Con i governi dei due Paesi che si rimpallano le accuse. 

"Anni di lavoro buttati all'aria"

Nel porto turistico vuoto di Cigacice, in Polonia, sulle rive del fiume Oder, i vigili del fuoco stanno ancora rimuovendo i pesci morti dall'acqua, dopo un disastro ambientale che ha ucciso migliaia di esemplari.

Negli ultimi giorni nella città sono stati rimossi tra i 200 e i 300 chilogrammi di pesci morti, su un totale di circa 300 tonnellate di pesce dall'Oder dall'inizio di agosto, hanno dichiarato i funzionari.

Secondo gli esperti, le ripercussioni si protarranno per anni. 

Piotr Wloch, imprenditore, guarda sconsolato le sue barche da turismo vuote. Come molte imprese locali, Wloch ha visto le prenotazioni crollare del 90%: prima dell'inquinamento, in un buon fine settimana, Cigacice attirava tra i 5.000 e i 10.000 turisti.

"La gente ha paura del fiume. È difficile prevedere se questo avvelenamento dell'acqua rimarrà nella loro testa per molto tempo o se se ne dimenticheranno". 

"Per noi si tratta in ogni caso di dodici anni di lavoro buttati all'aria". 

Le persone hanno paura del fiume

Secondo i funzionari tedeschi e polacchi, il disastro potrebbe essere stato provocato da alghe tossiche causate da rifiuti industriali in Polonia. 

Krzysztof Feodorowicz, proprietario di un vigneto, non ne è affatto sorpreso.

"Conoscendo l'approccio del governo in Polonia all'ecologia, alla natura e all'ambiente, c'era da aspettarselo", afferma.

"In realtà, l'Oder era una bomba a orologeria perché tutti sapevamo che molte fabbriche della Slesia vi scaricano direttamente le acque reflue". 

Il fiume Oder inizia nella Repubblica Ceca prima di passare in Polonia, dove forma un confine naturale con la Germania, per poi sfociare nel Mar Baltico.

Fino alla fine degli anni '90 era fortemente inquinato, un'eredità industriale dell'era comunista. In seguito, il fiume si è ripulito naturalmente e la gente ha iniziato a tornare sulle sue rive.

Ora, la gente ha di nuovo paura del fiume. La gente del posto dice che il disastro ha cancellato in un attimo 12 anni di lavoro.