This content is not available in your region

10 anni fa moriva card.Martini: a lui le armi dei terroristi

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Protagonista storia Chiesa. Gesto eclatante chiuse lotta armata
Protagonista storia Chiesa. Gesto eclatante chiuse lotta armata

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 26 <span class="caps">AGO</span> – Protagonista indiscusso della storia<br /> della Chiesa italiana degli ultimi quarant’anni, raffinato<br /> teologo e insigne biblista, pastore instancabile che aveva<br /> scelto il dialogo come strumento della sua azione ecclesiale:<br /> questo è stato il cardinale Carlo Maria Martini, gesuita,<br /> Arcivescovo di Milano dal 1980 al 2002, del quale il prossimo 31<br /> agosto ricorre il decimo anniversario della morte. Il nome del cardinale Martini rimane anche legato a una delle<br /> pagine più significative della storia d’Italia. Era il 13 giugno<br /> 1984: nell’Arcivescovado di Milano uno sconosciuto lasciò tre<br /> borsoni pieni di armi. Era l’arsenale dei “Comitati Comunisti<br /> Rivoluzionari”, gruppo terroristico di sinistra, ritenuto<br /> contiguo alle Brigate Rosse, che negli anni di piombo aveva<br /> firmato eclatanti azioni di sangue. L’arsenale fu consegnato al<br /> cardinale Martini a significare la resa dei terroristi e la fine<br /> della lotta armata, ma anche per sollecitare una mediazione<br /> della Chiesa per una “riconciliazione umana, sociale e<br /> politica”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.