This content is not available in your region

Crimea, esplode un deposito di munizioni russo. Mosca: "Atto di sabotaggio"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il deposito di munizioni nel villaggio di Mayskoye
Il deposito di munizioni nel villaggio di Mayskoye   -   Diritti d'autore  EBU

Ci sarebbe un atto di sabotaggio dietro alle esplosioni e all'incendio in un deposito di munizioni russo nel villaggio di Mayskoye, in Crimea. A dirlo, senza indicare i nomi dei responsabili, è il ministero della Difesa russo. Le esplosioni hanno causato due feriti e l'evacuazione di migliaia di persone in un'area di cinque chilometri.

"Più di 3.000 persone sono già state evacuate dai villaggi di Mayskoye e Azovskoye. Ci sono case bruciate e altre danneggiate. L'accesso alla zona è stato interdetto", ha de tto Sergei Aksyonov, governatore della Crimea nominato da Mosca. L'Ucraina non ha rivendicato la responsabilità dell'esplosione, ma poco dopo l'incidente il capo dell'Ufficio del Presidente ucraino, Andriy Yermak, ha scritto su Telegram che l'operazione di "demilitarizzazione" da parte delle Forze Armate continuerà fino alla completa liberazione dei territori ucraini occupati.

Kyiv ha recentemente sferrato una serie di attacchi contro vari siti della regione: l'ultimo la settimana scorsa contro la base russa di Saky, usata da Mosca per sferrare attacchi contro le forze ucraine nel teatro meridionale.

La linea del fronte si è spostata

La guerra in Ucraina continua su più fronti. L'artiglieria russa ha colpito anche questo martedì posizioni ucraine a Donetsk. Non si segnalano vittime anche se diverse case sono state ridotte in macerie a Kramatorsk e Sloviansk, città già martoriate.

La linea del fronte si è spostata negli ultimi giorni. Le truppe ucraine stanno resistendo all'assalto dei russi, incoraggiate dalle voci di defezioni e divisioni tra le fila nemiche. Si dice che le forze dell'autoproclamata repubblica di Luhansk non vogliano combattere a Donetsk, dopo mesi di scontri estenuanti, che non hanno lasciato quasi nessuna infrastruttura intatta. Nella zona controllata dalla Russia, l'acqua potabile viene distribuita quotidianamente tra i timori di epidemie.

Si teme anche per le terribili conseguenze di una fuga radioattiva presso la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Durante una telefonata con Volodymyr Zelensky, Emmanuel Macron ha invitato Mosca a ritirare i suoi soldati dalla struttura. I dintorni sono bersaglio di bombardamenti da giorni ormai.

E mentre le Nazioni Unite si dicono disposte a inviare ispettori dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica per analizzare la sicurezza dell'impianto, l'ex segretario dell'Onu Ban Ki-moon e l'ex presidente colombiano José Manuel Santos hanno visitato a sorpresa Bucha, teatro di presunti crimini di guerra russi.