This content is not available in your region

Yacht su scogli P.Cervo: i due comandanti si accusano a vicenda

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Legale, Sweet Dragon ha accostato a dritta poi macchine indietro
Legale, Sweet Dragon ha accostato a dritta poi macchine indietro

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">OLBIA</span>, 05 <span class="caps">AGO</span> – “Non soltanto Cortese ha accostato a<br /> dritta come prevede il regolamento internazionale in presenza di<br /> imbarcazioni con rotte opposte e ha arrestato i motori, ma il<br /> comandante ha anche messo macchine indietro tutta. E nel momento<br /> in cui è transitata la Sweet Dragon stava già procedendo a<br /> marcia indietro”. Lo dice all’<span class="caps">ANSA</span> l’avvocato Fabio Varone,<br /> legale di Luigi Cortese, il comandante del motoscafo Magnum 70<br /> “Sweet Dragon” della famiglia Berlusconi coinvolto<br /> nell’incidente nautico di Porto Cervo, nel quale lo yacht<br /> “Amore” è finito contro gli scogli dell’isola delle Rocche, nel<br /> golfo del Pevero, e in cui è morto il manager britannico Dean<br /> Kronsbein, ferite gravemente la moglie e la figlia. Una<br /> ricostruzione anticipata oggi in parte dal quotidiano La Nuova<br /> Sardegna. Cortese, 57 anni originario di Ischia, ha raccontato agli<br /> inquirenti la sua versione dei fatti sostenendo che sarebbe<br /> stato lo yatch “Amore”, comandato da Mario Lallone, ad aver<br /> sbagliato manovra. Lallone ha invece dichiarato di essere stato<br /> costretto a cambiare improvvisamente rotta per non entrare in<br /> collisione col Magnum 70, versione che anche i familiari della<br /> vittima starebbero sostenendo. A prestare i primi soccorsi ai<br /> naufraghi, mentre dallo yacht sventrato veniva lanciato il May<br /> day alla Capitaneria di porto di Olbia, è stato proprio il<br /> motoscafo Sweet Dragon. A bordo del Magnum di proprietà dell’ex<br /> premier, al momento dell’incidente c’erano solo il comandante<br /> Luigi Cortese e un altro membro dell’equipaggio. Lo yacht aveva<br /> già sbarcato a Baia Sardinia gli ospiti e stava facendo rotta<br /> verso sud per ritornare all’ormeggio, a Porto Rotondo. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.