This content is not available in your region

No Tav, la polizia indaga per identificare autori violenze

Access to the comments Commenti
Di ANSA
La Digos visiona filmati del corteo e dei disordini
La Digos visiona filmati del corteo e dei disordini

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">TORINO</span>, 31 <span class="caps">LUG</span> – Gli investigatori della Digos della<br /> polizia di Torino sono al lavoro per identificare gli<br /> antagonisti che ieri pomeriggio, dopo il corteo No Tav in Val di<br /> Susa, organizzato nell’ambito del Festival Alta Felicità, hanno<br /> creato tensione a San Didero, intorno all’area del cantiere per<br /> i lavori del nuovo autoporto di Susa, opera collegata alla<br /> Torino-Lione. Oltre una decina i feriti tra le forze<br /> dell’ordine. A quanto si apprende da fonti investigative, per<br /> aggredire le forze dell’ordine sarebbero stati utilizzati fionde<br /> e tubi da lancio per petardi e bombe carta, oltre che sassi. Gli investigatori stanno visionando i filmati sia del corteo<br /> sia dei momenti dei disordini per dare un volto e un nome agli<br /> appartenenti a un gruppo di incappucciati, circa una<br /> cinquantina, che con viso coperto anche da maschere antigas<br /> hanno cercato di danneggiare l’area e hanno innalzato barricate<br /> con tronchi sull’autostrada. Gli inquirenti non escludono la<br /> presenza di attivisti provenienti da altre regioni e dai centri<br /> sociali di altre città. La manifestazione infatti vede tra i<br /> promotori principali l’Askatasuna di Torino, in contatto con<br /> altre realtà antagoniste nazionali. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.