This content is not available in your region

Protegge il serial-killer dei gatti, condannata

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Conferma dalla Cassazione
Conferma dalla Cassazione

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">TORINO</span>, 19 <span class="caps">LUG</span> – “Qui al lavoro c‘è un tipo che<br /> quando trova i gatti li uccide: non faccio il nome perché sono<br /> sicura di perdere il posto”. Disse questo, nel 2016, una donna<br /> oggi di 40 anni ai funzionari della Forestale che stavano<br /> cercando di fare luce su una catena di misteriose sparizioni di<br /> animali nel Cuneese. Questo atteggiamento le è costato una<br /> condanna a un mese di reclusione per favoreggiamento che è stata<br /> confermata dalla Cassazione. In primo grado il tribunale di Cuneo aveva assolto l’imputata<br /> riconoscendo lo “stato di necessità”, ma nel 2021 la Corte<br /> d’appello, a Torino, ribaltò il giudizio.<br /> Il teatro della vicenda era un’autorimessa di pullman dove,<br /> secondo quanto si ricava dalle carte processuali, si sospettava<br /> che si verificassero maltrattamenti e “reiterate uccisioni” di<br /> animali. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.