This content is not available in your region

Ghali lancia una raccolta fondi per Mediterranea

Access to the comments Commenti
Di ANSA
E ha donato una "rescue boat", imbarcazione salvataggio
E ha donato una "rescue boat", imbarcazione salvataggio

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 19 <span class="caps">LUG</span> – Ghali, da sempre sensibile al tema<br /> del soccorso in mare dei migranti, con la sua prima donazione ha<br /> dato il via alla raccolta fondi per nuovi “rescue boat” di cui<br /> dotare la Mare Jonio, unica nave battente bandiera italiana<br /> della “Flotta Civile” di ricerca e soccorso nel Mediterraneo<br /> Centrale. L’acquisto di una prima imbarcazione ausiliare<br /> consentirà alla Mare Jonio di rinnovare le certificazioni per<br /> poter proseguire le sue missioni di soccorso nei prossimi mesi.<br /> Proprio le ultime settimane, di fronte al drammatico aggravarsi<br /> delle violazioni dei diritti umani in Libia e al peggioramento<br /> della situazione sociale in Tunisia, hanno visto intensificarsi<br /> le partenze verso le coste europee. E proprio per questo ogni<br /> nave di salvataggio in più in mare può fare la differenza tra la<br /> vita e la morte per centinaia di donne, uomini e bambini in<br /> viaggio. I fondi raccolti permetteranno ai team rescue di<br /> Mediterranea di continuare ad operare nelle acque del canale di<br /> Sicilia. Da oggi sui profili social di Ghali si troveranno le modalità<br /> per partecipare alla raccolta fondi. La prima “rescue boat” che sarà acquistata con la donazione di<br /> Ghali sarà operativa entro agosto e si chiamerà Bayna, che<br /> significa “vederci chiaro”, come la canzone contenuta nel suo<br /> nuovo album Sensazione Ultra. “Sono molto felice di poter fare<br /> qualcosa di concreto per una causa che ritengo fondamentale per<br /> il nostro futuro. Soccorrere gli esseri umani è una questione di<br /> civiltà e vi chiedo, se potete, di partecipare a questa raccolta<br /> fondi. Sembra assurdo doverlo ripetere, ma tutte le vite contano<br /> e vanno salvate.” ha detto l’artista. “Ringraziamo Ghali e tutte le persone che lavorano con lui – aggiunge Vanessa Guidi, presidente di Mediterranea. Abbiamo<br /> sempre sentito la sua musica, le sue parole, molto vicine alla<br /> nostra battaglia per i diritti fondamentali delle persone che<br /> rischiano la vita in mare, spesso in fuga da trattamenti<br /> disumani e alla ricerca di un futuro migliore. Ma da oggi Ghali<br /> è membro a pieno titolo del nostro equipaggio, in una<br /> navigazione che sarà lunga e capace di aiutare tante e tanti che<br /> sono là fuori” (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.