This content is not available in your region

Violenza donne: D.i.Re, nel 2021 vittime aumentate del 3,5%

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Autori quasi sempre italiani, solo il 27% stranieri
Autori quasi sempre italiani, solo il 27% stranieri

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 13 <span class="caps">LUG</span> – Nei centri antiviolenza della rete<br /> D.i.Re nel 2021 sono state accolte complessivamente 20.711 donne<br /> con un incremento del 3,5% rispetto al 2020. Quasi la metà<br /> (46%) delle donne accolte ha un’età compresa tra i 30 e i 49<br /> anni. Sono prevalentemente italiane (solo il 26% hanno una<br /> diversa provenienza), un dato costante negli ultimi anni.<br /> L’autore della violenza è prevalentemente italiano (soltanto il<br /> 27% ha provenienza straniera) e questo dato è oramai consolidato<br /> negli anni . E’ quanto emerge dall’ultimo report<br /> dell’Associazione nazionale D.i.Re – Donne in Rete contro la<br /> violenza sui dati riferiti al 2021.<br /> Nella comparazione con il 2020 emerge un incremento per il<br /> servizio di orientamento al lavoro, che passa dall’88% al 94%<br /> dei centri. Questo dato è particolarmente significativo – viene<br /> fatto notare – se si pensa che una donna su tre (31,9% tra<br /> disoccupate, casalinghe e studentesse) è a reddito zero, in<br /> linea con il 2020 (32,9%) e il 2019 (33,8%). Solo il 37% (tra<br /> occupate e pensionate) può contare su un reddito sicuro.<br /> Soltanto il 28% delle donne accolte decide di denunciare,<br /> percentuale che rimane sostanzialmente costante negli anni.<br /> L’attività dei centri si sostiene per gran parte sul lavoro<br /> volontario delle attiviste, di cui solo il 33, 3% è retribuito,<br /> anche a causa della scarsità e non strutturalità dei fondi. “Il<br /> 3,5% di contatti in piu’ rispetto al 2020, l’8,8% in piu’ le<br /> donne che non avevano mai chiamato il Centro antiviolenza, sono<br /> numeri che confermano l’importanza dei centri della nostra Rete”<br /> ha commentato Antonella Veltri, presidente D.i.Re – Donne in<br /> Rete contro la violenza. Secondo Veltri, ‘non basta approvare un Piano antiviolenza se<br /> mancano le linee guida attuative: siamo in attesa di questo,<br /> dell’impegno concreto del governo sul tema della violenza<br /> maschile alle donne, per il 2021-2023’ . (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.