Torna il torneo di Wimbledon. Grandi nomi presenti ed assenti

Access to the comments Commenti
Di Andrew Robini  & Debora Gandini
Torneo di Wimbledon
Torneo di Wimbledon   -   Diritti d'autore  Steven Paston/PA Wire   -  

Nomi stellari per il grande tennis che da questo lunedì si dà appuntamento a Londra per il torneo di Wimbledon. Da Serena Williams, a Rafael Nadal, da Novak Djokovic a Andy Murray. Il Terzo Slam della stagione culminerà con le finali per il titolo femminile sabato 9 luglio e maschile domenica 10 luglio.

Tim Henman, ex campione britannico, ora allenatore, ci racconta il suo punto di vista. “Direi che Wimbledon è il miglior torneo su erba del mondo, potrei essere un po' di parte, ma quando parlo di quello che lo rende speciale, penso alla storia, alla tradizione, ai campi, all’abbigliamento prevalentemente bianco. Non si può non pensare che questo torneo è nato nel 1877 e ha sicuramente fatto la storia.”

Henman ha giocato qui quattro semifinali. Quali sono i sacrifici per un tennista? “Bisogna sapere giocare un buon tennis. Da entrambe le parti, in campo maschile e femminile, ci sono i migliori tennisti del mondo. Ma se si vuole vincere, o raggiungere la vetta bisogna davvero essere al top", sottolinea l'ex campione. "Detto questo penso che il tennis sull'erba sia cambiato gli anni. Un tempo era molto più dominato dal "gioco sotto rete” ora invece si vede più azione dal fondo del campo. Fisicamente, tecnicamente e mentalmente bisogna essere ai massimi livelli. Quindi si devono vincere diversi match.”

A parte i tennisti russi e bielorussi e lo svizzero Roger Federer, tutti i migliori giocatori al mondo sono presenti a Wimbledon, compreso l'italiano Matteo Berrettini, reduce dalle vittorie sull'erba di Stoccarda e su quella del Queen's.

In campo femminile, il seeding è guidato dalla numero uno del ranking mondiale, la polacca Iga Swiatek, e tra le favorite figurano l'estone Anett Kontaveit, la tunisina Ons Jabeur, la spagnola Paula Badosa e la greca Maria Sakkari. Tra le teste di serie figurano anche le italiane Camila Giorgi, numero 21, e Martina Trevisan, 22.