This content is not available in your region

Kiev: la messa al bando dei libri russi divide librai e lettori

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Una libreria di Leopoli
Una libreria di Leopoli   -   Diritti d'autore  YURIY DYACHYSHYN/AFP or licensors

Puskin si salverà, Chekhov pure. Anche il naso e il cappotto di Gogol potranno continuare a circolare. Ma gli autori russi contemporanei, quelli con la cittadinanza russa dal 1991, era post sovietica, sono banditi in Ucraina e i libri stampati in Russia e Bielorussia non possono essere importati; pochi giorni fa a Kiev è stata approvata  una legge per la derussificazione che li vieta, norma che divide lettori e librai. Olexandr Drobin, libraio di Kiev, prostesta: "Impossibile metterla in atto. Hanno fatto questa legge ma come applicarla nessuno lo sa. Cosa dobbiamo fare? Prendere questi libri, metterli in strada e bruciali?"

Impossibile metterla in atto. Hanno fatto questa legge ma come applicarla nessuno lo sa. Cosa dobbiamo fare? Prendere questi libri, metterli in strada e bruciali?
Olexandr Drobin
Libraio di Kiev

Teoricamente i libri scritti in russo di autori non ostili all'Ucraina e stampati nei confini nazionali sono ammessi, cosa che complica la pratica. Nel famoso mercato dei libri di Kiev: la messa al bando dei libri russi divide librai e lettoria Kiev, tuttavia, le opinioni divergono Anatoly Gounko, un altro libraio, decreta: "Questa è una guerra, quindi, secondo me, ovviamente, abbiamo bisogno di misure dure e dobbiamo cancellare molte cose relative alla russificazione, avvenute in passato. Questa è la mia idea".

A qualcuno probabilmente il falò dei libri riporta alla mente le dittature più atroci del secolo scorso, altri restano su un più semplice benaltrismo: "Le conseguenze della guerra con la Russia sono molto gravi. Ma penso che oggi ratificare una legge del genere non sia proprio appropriato. In questo momento ci sono problemi molto più importanti", dice una lettrice.

Nadine è una libraia e racconta che con la guerra un rinvigorito patriottismo si è impossessato dei lettori ucraini: "Dall'inizio della guerra, la domanda di letteratura ucraina, di scrittori ucraini, è notevolmente aumentata. Ecco perché penso che pubblicheremo nuovi scrittori".

Non solo libri, un'altra legge vieta la musica di autori con cittadinanza russa da dopo il 1991 su trasporti pubblici e media.