This content is not available in your region

Clima, Guterres: "la Russia non va esclusa dalla lotta all'inquinamento"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
il segretario generale ONU Antonio Guterres
il segretario generale ONU Antonio Guterres   -   Diritti d'autore  Mary Altaffer/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Il futuro degli oceani dev'essere una battaglia comune, dalla quale neppure la Russia può essere esclusa. A dirlo, in un'intervista concessa all'agenzia Lusa alla vigilia della Conferenza degli Oceani di Lisbona, è il Segretario Generale ONU Antonio Guterres. 

"La Russia contribuisce in modo significativo all'inquinamento degli oceani a al cambiamento climatico" ha dichiarato. "E penso che coloro che contribuiscono ai problemi debbano contribuire alle soluzioni e, quindi, non credo abbia senso escluderli da quelle riunioni in cui appunto si cerca di far cambiare i comportamenti di tutti i Paesi".

Tempeste più forti e frequenti in alcune regioni del mondo, siccità e desertificazione in altre sono tra i maggiori fattori di instabilità causati dal cambiamento climatico, per i quali il Segretario generale delle Nazioni Unite intende trovare risposte globali e collettive.

"Il cambiamento climatico - continua Guterres - è uno dei peggiori pericoli per la nostra sicurezza collettiva. La disputa sull'acqua è già oggi un fattore di guerra in varie parti del mondo e quindi, combattere il cambiamento climatico, difendere un'economia verde, significa difendere la nostra sicurezza collettiva: le energie rinnovabili sono oggi un progetto di pace".

La Conferenza sugli oceani si svolgerà nella capitale portoghese dal 28 giugno al 1° luglio