This content is not available in your region

Consigliere regionale a Napoli, follie pre-esami degli studenti

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Borrelli e Nasti: "San Martino ridotta a un campo di battaglia"
Borrelli e Nasti: "San Martino ridotta a un campo di battaglia"

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">NAPOLI</span>, 22 <span class="caps">GIU</span> – “‘Notte prima degli esami, notte di<br /> polizia. Certo qualcuno te lo sei portato via’, cantava il<br /> cantautore capitolino Antonello Venditti descrivendo la notte<br /> prima degli esami di maturità. A Napoli, però, la Polizia non si<br /> è vista, la follia, in compenso, si”. L’area più colpita dalle<br /> folle di maturandi è stata quella di San Martino ridotta alla<br /> stregua di un campo di battaglia. Bottiglie lasciate a terra,<br /> cocci di vetro, contenitori dei rifiuti ribaltati, immondizia a<br /> non finire”. A denunciarlo, in una nota dove allega anche delle<br /> immagini, è il consigliere regionale di Europa Verde Francesco<br /> Emilio Borrelli, secondo il quale “la baraonda di studenti ha<br /> intasato le strade del quartiere seminando caos e disordini a<br /> bordo degli scooter che impazzavano anche sui marciapiedi”.<br /> Borrelli pubblica anche un messaggio ricevuto da alcuni<br /> cittadini (“Signor consigliere, questa è la situazione a San<br /> Martino per ‘la notte prima degli esami’. Situazione<br /> abominevole, sembrava che ci fosse l’apocalisse…”).<br /> “Si fa fatica a parlare di maturità in questi casi – sottolinea<br /> Borrelli insieme con il consigliere municipale di Europa Verde<br /> Rino Nasti – questi ragazzi si dimostrano in questo modo essere<br /> poco responsabili ma molto incivili. Siamo stati tutti giovani e<br /> sappiamo cosa vuol dire affrontare gli esami ma bisogna pur<br /> comprendere che bisogna rispettare sé stessi, la propria città e<br /> le altre persone. Questi ragazzi hanno dimostrato di essere<br /> davvero immaturi e meriterebbero di essere tutti bocciati per<br /> quello che hanno fatto. In ogni caso, chiediamo che le aree<br /> maggiormente frequentate dai giovani siano sottoposte a rigidi<br /> controlli, per il loro bene e di quello di tutta la cittadinanza<br /> e che le loro famiglie siano sanzionate per quello che hanno<br /> fatto. Se questi sono gli uomini maturi di domani, siamo messi<br /> proprio male”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.