This content is not available in your region

Reggio Calabria, nasce il primo sindacato nazionale dei Carabinieri

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Carabinieri italiani mostrano il loro assetto tattico durante un'anteprima per i media a Roma, mercoledì 27 ottobre 2021.
Carabinieri italiani mostrano il loro assetto tattico durante un'anteprima per i media a Roma, mercoledì 27 ottobre 2021.   -   Diritti d'autore  Domenico Stinellis/AP   -  

A Lazzaro, in provincia di Reggio Calabria, sono arrivati da tutta Italia: carabinieri di ogni ordine e grado hanno assistito all'assemblea costituente che ha tenuto a battestimo il SIUL CC, Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Carabinieri, il primo sindacato nazionale dell'Arma.

Nel corso dell'assemblea, tenutasi presso la sala convegni "Il faro" è stato nominato il direttivo e sono state delineate le finalità di questa nuova sigla, che punta a essere una bussola sindacale, come ha spiegato il segretario nazionale Sebastiano Calabrò.

Eletto inoltre il direttivo nazionale, formato da Francesco Rampielli, presidente, Domenico Barillà e Gaetano Rago, segretari generali aggiunti, Francesco Nigrogno, Stefano Zammuto, Angelo Salvatori, Maurizio Perez, Pasquale Iacopino e Ferdinando Baldo, in rappresentanza di tutti i carabinieri.

Tra le finalità dell'organizzazione sindacale, la tutela del personale dell'Arma sotto l’aspetto professionale ed economico-contrattuale, la coesione sociale e l'inclusività del corpo dei Carabinieri in un quadro sociale in rapida evoluzione.

frame
frameframe

La nascita del nuovo sindacato è stata resa possibile a seguito della sentenza n. 120 del 2018 della Corte Costituzionale, la quale, nel riconoscere la legittimità delle associazioni professionali a carattere sindacale, ha sottolineato la  necessità di una puntuale regolamentazione della materia in considerazione della specificità dell'ordinamento militare e della sussistenza di peculiari esigenze di "coesione interna e neutralità" che distinguono le Forze Armate dalle altre strutture statali.

Successivamente, in attesa del varo dell'intervento legislativo, al fine di non ledere o comprimere l'esercizio del diritto di  associazione sindacale tra i militari, il ministero della Difesa ha provveduto a integrare le disposizioni interne in materia di associazionismo tra militari, indicando specifiche condizioni per consentire l'avvio delle procedure di costituzione delle associazioni professionali a  carattere sindacale.

Infine, grazie alla legge 28 aprile 2022 n. 46, è stata sancita la libertà, per le forze armate e di polizia ad ordinamento militare (tra cui anche l’Arma dei Carabinieri), di costituire associazioni professionali a carattere sindacale.