Naufragio Norman Atlantic: marinaio, 'sembrava l'apocalisse'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Capo lancia imputato,'scarpe si scioglievano su lamiere roventi'
Capo lancia imputato,'scarpe si scioglievano su lamiere roventi'

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">BARI</span>, 07 <span class="caps">GIU</span> – “Sembrava l’apocalisse, una scena che<br /> spero nella mia vita di non vedere mai più, persone arrampicate<br /> su qualsiasi cosa, perché si stavano bruciando i piedi, le suole<br /> delle scarpe si scioglievano sulle lamiere roventi, una folla<br /> impazzita”. E’ il racconto drammatico di Francesco Romano,<br /> 37enne di Trapani, durante l’udienza del processo sul naufragio<br /> del traghetto Norman Atlantic, che nella notte tra il 27 e il 28<br /> dicembre 2014, al largo delle coste greche, dopo un rogo<br /> scoppiato a bordo, causò la morte di 31 persone e il ferimento<br /> di 64 passeggeri. Romano è uno dei 24 imputati, con l’armatore proprietario<br /> della nave Carlo Visentini della società Visemar, i due legali<br /> rappresentanti della società greca Anek Lines noleggiatrice del<br /> traghetto, il comandante Argilio Giacomazzi e altri 19 membri<br /> dell’equipaggio. A loro i pm di Bari Ettore Cardinali e Federico<br /> Perrone Capano contestano, a vario titolo, i reati di<br /> cooperazione colposa in naufragio, omicidio colposo e lesioni<br /> colpose plurime oltre a numerose violazioni sulla sicurezza. Il<br /> processo si celebra nell’aula bunker di Bitonto. Romano ha<br /> risposto oggi alle domande del difensore, l’avvocato Cesare<br /> Fumagalli, e della Procura. Sulla nave, con la qualifica di<br /> secondo ufficiale, era capo lancia. Fu lui, cioè, a preparare e<br /> ammainare la lancia di salvataggio che durante il rogo fu calata<br /> in mare con a bordo circa 80 passeggeri, rispetto ai 150 che<br /> poteva contenerne, senza aver avuto l’ordine di abbandonare la<br /> nave. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.