Il Mar Nero dei russi: Sochi, simbolo del boom turistico interno della Russia

Access to the comments Commenti
Di Euronews Russia - AP - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Una cartolina da Sochi. Al mare vicino al Fisht Stadium.
Una cartolina da Sochi. Al mare vicino al Fisht Stadium.   -   Diritti d'autore  Martin Meissner/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.

I russi, ora, vanno in vacanza in Russia. 
E il boom economico del turismo interno raggiunge livelli mai visti prima. 

I turisti in spiaggia a Sochi, sul Mar Nero, sono il simbolo del boom turistico interno della Russia.

L'Alean Family Sputnik uno dei resort più famosi sul mercato locale ed è il primo hotel di Sochi che opera con un sistema ultra-all-inclusive

Olga Leutova, direttrice dell'Alean Family Sputnik di Sochi, spiega: 
"Stiamo registrando una richiesta in forte aumento, settimana dopo settimana, e si tratta di clienti russi che prima sceglievano resort internazionali e ora, per i motivi che conosciamo, vengono nel nostro hotel per vivere una vacanza di lusso in Russia".

Screengrab by AP Video
"I russi stanno scoprendo le vacanze in Russia"...Screengrab by AP Video

Aumento dei turisti

Sede delle Olimpiadi Invernali 2014 e del Gran Premio di Russia di F1 (per il 2022, già cancellato in seguito alla guerra), Sochi è da decenni la più rinomata località balneare russa del Mar Nero.
Una grande città, tra l'altro, con oltre 400.000 abitanti.

A livello internazionale, sul Mar Nero, se la gioca con Costanza (Romania) e Varna (Bulgaria).

L'agenzia statale russa per il turismo Rostourism prevede una crescita del traffico turistico nella prossima stagione, a seconda della regione, tra il 4 e il 30% rispetto all'anno scorso.

La crescita maggiore è prevista nel sud della Russia - circa il 30% in più rispetto all'anno scorso -, con un totale di 8 milioni di persone che dovrebbero trascorrere le vacanze nella regione durante i mesi tra maggio-giugno e settembre.

Vadim Mamontov, fondatore del tour operator "RussiaDiscovery", afferma che la sua azienda prevede una crescita del 25-30% circa rispetto all'anno scorso, in epoca pre-sanzioni. 

"La richiesta c'è, ma la conferma delle prenotazioni dipende in gran parte dall'operazione speciale in Ucraina", spiega Mamontov, "poiché molti stanno rimandando la decisione a causa dell'incertezza che questa situazione crea per il lavoro delle loro aziende, per la sicurezza della loro famiglia e per molte altre cose".

Screengrab by AP Video
"La conferma delle prenotazioni dipenderà da quello che accade in Ucraina".Screengrab by AP Video

Da un turismo familiare di medio-alto livello, nell'estate 2022 Sochi si sta trasformando in una località esclusiva, proprio grazie alle difficoltà dei ricchi russi di fare le vacanze all'estero. E, naturalmente, i prezzi lievitano: per i soggiorni e per i voli aerei interni alla Russia. 

Gli hotel e i resort turistici, inoltre, sono alle prese con l'aumento dei prezzi dei materiali di consumo e con il trasferimento a piattaforme di viaggio alternative, dopo che la principale piattaforma internazionale, Booking.com, ha lasciato la Russia.

Sostegno dal governo e dalla Duma

Dell'effetto-turismo si è parlato anche alla Duma di Mosca, il Parlamento russo. 

Sangadzhi Tarbaev è il presidente della Commissione della Duma russa per il turismo e lo sviluppo delle infrastrutture turistiche:
"L'accessibilità ai trasporti è oggi il nostro principale problema, anche a causa dell'operazione militare in Ucraina. Dei quattro aeroporti sul Mar Nero, solo uno funziona: quello di Sochi. È diventato il principale hub di trasporto e quindi l'onere principale di tutto il resto ricade sulle ferrovie e sul trasporto stradale".

Screengrab by AP Video
"Il nostro principale problema, ora, riguarda i trasporti".Screengrab by AP Video

Nel frattempo il governo russo sta investendo in infrastrutture per facilitare l'ulteriore crescita del settore-turismo. 
Secondo Rostourism, l'importo totale del sostegno statale al settore dovrebbe raggiungere i 75 miliardi di rubli (1,2 miliardi di dollari) nel 2022, dieci volte di più rispetto a tre anni fa.
"Non c'è mai stato un tale finanziamento del turismo nella storia della Russia moderna", ha dichiarato il Direttore di Rostourism, Zamira Doguzova, intervenendo alla Duma.

La guerra incombe, in un modo o nell'altro, anche sulle vacanze.
Cercando, comunque, un attimo di relax.