This content is not available in your region

Adescavano 18enni sui social per 'monetizzare' bonus cultura

Access to the comments Commenti
Di ANSA
16 misure cautelari GdF e Procura Napoli, danno da 1,5 milioni
16 misure cautelari GdF e Procura Napoli, danno da 1,5 milioni

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">NAPOLI</span>, 26 <span class="caps">MAG</span> – Adescavano 18enni su Instagram per<br /> monetizzare illecitamente i “Bonus Cultura 18App” da 500 euro,<br /> causando così al Ministero della Cultura un danno superiore al<br /> milione e mezzo di euro: è quanto ha scoperto la Guardia di<br /> Finanza di Napoli che, coordinata dalla Procura (sostituto<br /> procuratore Mariella Di Mauro) ha notificato oggi 16 misure<br /> cautelari: un arresto in carcere (nei confronti di un<br /> napoletano, commerciante all’ingrosso di computer), undici ai<br /> domiciliari (anche la moglie del negoziante), tre obblighi di<br /> presentazione alla polizia giudiziaria e un obbligo di dimora. Al centro dell’indagine c‘è proprio la coppia, marito e<br /> moglie, i quali attraverso dei procacciatori (cui spettava una<br /> quota di quei 500 euro) sono riusciti a “monetizzare” ben 3.300<br /> voucher. La coppia tratteneva il 30% di ciascun bonus. Una<br /> percentuale variabile finiva nelle tasche dei complici, la<br /> restante veniva erogata ai ragazzi prevalentemente attraverso<br /> ricariche su PostePay. Le Fiamme Gialle hanno eseguito nei confronti degli indagati<br /> anche un sequestro da un milione e mezzo. I reati contestati<br /> sono associazione per delinquere e truffa aggravata per il<br /> conseguimento di erogazioni pubbliche. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.