This content is not available in your region

Ass.Coscioni, per Fabio via libera Cerm a suicidio assistit

Access to the comments Commenti
Di ANSA
E' secondo italiano.Parere dell'8 aprile, arrivato dopo appello
E' secondo italiano.Parere dell'8 aprile, arrivato dopo appello

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ANCONA</span>, 19 <span class="caps">MAG</span> – Fabio Ridolfi, il 46enne di<br /> Fermignano (Pesaro Urbino) da 18 anni immobilizzato a letto per<br /> una patologia irreversibile, che ieri ha lanciato un appello per<br /> il suicidio medicalmente assistito “rientra nei parametri<br /> stabiliti dalla Consulta nella sentenza Cappato-Dj Fabo per<br /> potere accedere all’aiuto medico alla morte”, secondo il parere<br /> del Comitato Etico Regione Marche. Lo rende noto l’associazione<br /> Luca Coscioni, sottolineando che “è il secondo italiano dopo<br /> ‘Mario’ (un 43ennne paraplegico) ad avere ottenuto il via libera<br /> per l’aiuto al suicidio”. Il parere risale all’8 aprile, ma è<br /> stato recapitato a Fabio solo dopo l’appello di ieri, corredato<br /> da un video in cui lo si vede usare un puntatore oculare, unico<br /> mezzo con cui può comunicare. Secondo l’associazione Luca<br /> Coscioni, “nonostante ripetuti solleciti, qualcuno in Asur <br /> Marche aveva ‘dimenticato’, per 40 giorni, di comunicarlo a<br /> Fabio Ridolfi” che lo attendeva da due mesi, dopo essersi<br /> sottoposto alle visite mediche previste. “E’ inaccettabile che<br /> lo Stato italiano, e nello specifico la Regione Marche, abbia<br /> tenuto nel cassetto per 40 giorni un documento di tale rilevanza<br /> ed urgenza” il commento di Filomena Gallo, avvocato e segretario<br /> dell’Associazione Luca Coscioni, sottolineando che il documento<br /> comunque è “incompleto, perché nulla dice sulle modalità di<br /> attuazione e sul farmaco da usare affinché la volontà di Fabio<br /> possa finalmente essere rispettata”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.