Carceri: da Bollate appello alle imprese, 'investite qui dentro'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
'Chiuso contratto con WindTre, offriamo servizi di qualità'
'Chiuso contratto con WindTre, offriamo servizi di qualità'

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">MILANO</span>, 18 <span class="caps">MAG</span> – Era nato nel 2007 come un progetto<br /> innovativo per offrire numerose occasioni di inserimento<br /> lavorativo e qualificazione professionale dei detenuti, non più<br /> trattati come ‘lavoranti’ bensì come ‘lavoratori’ a tutti gli<br /> effetti: dopo un periodo di formazione, un contratto con lo<br /> stipendio in linea con il mercato e tutte le garanzie previste<br /> dalla legge. Alla fine di giugno questo progetto che per 15 anni ha visto<br /> legati il carcere di Bollate e l’operatore telefonico H3G prima<br /> e WindTRE si concluderà. Per questo dall’interno dell’istituto è<br /> partito un appello alle imprese di Milano e Provincia affinché<br /> si facciano avanti per investire nei servizi “di qualità”<br /> offerti “a condizioni economiche competitive” dall’istituto noto<br /> a livello nazionale per la qualità dei percorsi educativi<br /> promossi tanto al suo interno quanto all’esterno. La società di telefonia non ha cambiato idea ed è andata<br /> avanti sulla strada annunciata lo scorso dicembre che ha portato<br /> a ridurre il servizio offerto dai carcerati impiegati nel call<br /> center, come informazioni agli utenti in caso di sospetto<br /> phishing o letture delle bollette, fino a chiuderlo. E questo<br /> nonostante i tentativi messi in atto dalla direzione di Bollate<br /> e la ‘Cooperativa sociale bee.4 altre menti’ per ‘salvare’ la<br /> commessa che aveva dato lavoro a 30 ospiti dell’istituito<br /> milanese e 4 esterni. “La conclusione del progetto è un duro colpo – ha spiegato<br /> Marco Girardello, socio della cooperativa bee.4 – in quanto è<br /> stata azzerata una delle principali fonti di lavoro presenti<br /> all’interno del carcere. A meno di 2 mesi dalla fine di questa<br /> commessa – ha aggiunto – dobbiamo ancora sistemare 13<br /> lavoratori. Stiamo trattando con importanti società ma al<br /> momento non possiamo dire ancora di aver raggiunto il nostro<br /> obiettivo”. Pertanto “lanciamo un appello alle imprese presenti sul<br /> territorio di Milano – ha concluso Girardello -, affinché<br /> vengano a visitare i nostri spazi all’interno di Bollate, e<br /> decidano di investire qui dentro non rinunciando a servizi di<br /> qualità e senso”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.