Ex marito le diede fuoco: confermati 18 anni per Ciro Russo

Access to the comments Commenti
Di ANSA
A Reggio Calabria.8 mesi in più per condanna per maltrattamenti
A Reggio Calabria.8 mesi in più per condanna per maltrattamenti

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">REGGIO</span> <span class="caps">CALABRIA</span>, 17 <span class="caps">MAG</span> – È stato condannato a 18<br /> anni e 8 mesi di carcere Ciro Russo, l’uomo che tre anni fa<br /> tentò di uccidere la ex moglie dandole fuoco. La Corte d’Appello<br /> di Reggio Calabria ha confermato la sentenza di primo grado del<br /> luglio 2020 aggiungendo 8 mesi per la continuazione con una<br /> condanna per maltrattamenti nei confronti della moglie rimediato<br /> in passato. Russo il 13 marzo 2019, era evaso dai domiciliari<br /> che stava scontando a casa dei genitori a Ercolano (Napoli) per<br /> recarsi a Reggio Calabria per cercare di uccidere la ex moglie<br /> Maria Antonietta Rositani. Speronò la sua auto, le versò benzina<br /> addosso e le diede fuoco. Antonietta Rositani si salvò solo<br /> grazie alla sua forza d’animo ed alla sua voglia di vivere. Uscì<br /> dall’auto avvolta dalle fiamme e si gettò in una<br /> pozzanghera mentre il suo ex marito le gridava “devi morire”. La<br /> donna riportò gravissime ustioni che le ricoprivano il 50% del<br /> corpo ed è uscita dal Grande ospedale metropolitano di Reggio<br /> Calabria solo dopo 20 mesi e dopo avere subito decine di<br /> interventi chirurgici. Al termine della camera di consiglio, la Corte ha accolto la<br /> richiesta del procuratore generale Gerardo Dominijanni e del<br /> sostituto pg Francesco Tedesco. Russo, dopo avere tentato di<br /> uccidere la ex moglie fuggì. Fu bloccato dagli investigatori<br /> della Squadra mobile di Reggio Calabria che lo rintracciarono il<br /> giorno dopo nei pressi dell’ospedale. Secondo l’accusa, quella di Russo fu un’azione pianificata.<br /> Nella sentenza di primo grado, infatti, il gup del Tribunale di<br /> Reggio Calabria Valerio Trovato ha scritto che l’imputato ha<br /> pianificato “nel dettaglio il progetto criminoso”.<br /> “Donne non arrivate a questo punto. Non è una vittoria 18 anni<br /> di carcere. Non è bello sentirselo dire dopo che hai avuto dei<br /> figli dall’uomo che amavi. Mi auguro che voi abbiate la forza di<br /> denunciare per non arrivare a fare passare a tutti quello che<br /> sto passando io”. Lo ha detto, visibilmente commossa, Maria<br /> Antonietta Rositani dopo la lettura della sentenza. “Diciotto<br /> anni – ha aggiunto – sono la pena minima dopo quello che ha<br /> fatto a me e a tutta la mia famiglia. Mi auguro che se li faccia<br /> tutti”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.