This content is not available in your region

Acciaieria Azovstal: le mogli dei soldati difendono il battaglione Azov

Access to the comments Commenti
Di Natalia Liubchenkova
euronews_icons_loading
La compagna di un soldato ucraino
La compagna di un soldato ucraino   -   Diritti d'autore  Natalia Liubchenkova

L'acciaieria Azovstal di Mariupol è stata descritta come un girono infernale: condizioni igieniche indicibili, feriti, cattivo odore, carenza di ogni tipo di conforto. Questo martedì circa 250 soldati ucraini, gli ultimi restati all'interno, sono stati evacuati; abbiamo intervistato le loro compagne che si trovano all'estero e ancora non hanno pace dato che il destino dei combattenti del battaglione Azov, ora prigionieri dei russi, è davvero incerto.

Nel video le voci delle donne, come spesso succede in guerra piene di nostalgia, rimpianto e affetto per i loro uomini. 

Dall'altra parte della barricata, la moglie di un soldato russo potrebbe dire altrettanto, mentre la Storia, ancora una volta, corre sulle teste di chi non avrebbe voluto tanto orrore.