This content is not available in your region

Viktor Orbán riuscirà a impedire l'embargo petrolifero contro la Russia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Image
Image   -   Diritti d'autore  Fabian Sommer/dpa (www.dpa.de). Alle Rechte vorbehalten   -  

Il primo ministro ungherese ha alzato la posta in gioco nel dibattito sull'ultimo piano di sanzioni dell'UE alla Russia. La Commissione europea ha proposto un embargo completo sul petrolio russo. L'Ungheria, pur avendo diritto a una transizione più lunga, minaccia il veto.

Viktor Orbán, Primo Ministro ungherese: "Il petrolio russo o di qualsiasi tipo può arrivare in Ungheria solo tramite oleodotto. Un'estremità dell'oleodotto è in Russia e l'altra in Ungheria. È una dotazione. (il che significa che è una situazione che abbiamo ereditato - Sandor) Non possiamo accettare una proposta che ignora questa circostanza. Questa proposta nella sua forma attuale è come una bomba atomica sganciata sull'economia ungherese".

Nella sua intervista all'emittente nazionale Orbán ha avvertito che il taglio del petrolio russo richiederebbe un cambio completo del sistema energetico. Secondo Orbán ci vorrebbero 5 anni e miliardi di euro.

L'alto rappresentante dell'UE Joseph Borrell ha avvertito il Primo Ministro di non collegare le politiche sanzionatorie con la questione dei fondi di recupero.

Méabh McMahon, Euronews: "Abbiamo sentito che Viktor Orbán era alla radio questa mattina, il primo ministro ungherese, a paragonare il pacchetto di sanzioni a una bomba atomica.

Josep Borrell, alto rappresentante dell'UE: "La bomba atomica?"

Meabh McMahon, Euronews:  "Allora cosa gli direbbe?"

Josep Borrell, alto rappresentante dell'UE: "Si può discutere di quanti anni siano necessari per adattarsi a un embargo petrolifero. Ma per collegare l'embargo petrolifero a qualcos'altro che non ha nulla a che fare con esso, come la fornitura di finanziamenti alla prossima generazione oltre alla politica ragioni, questo è inaccettabile".

La parte ungherese degli European Recovery Funds è attualmente congelata dalla Commissione Europea a causa del presunto alto livello di corruzione.

I rappresentanti degli Stati membri continueranno a discutere del nuovo round di sanzioni nel fine settimana.