Putin si scusa con Israele per le parole di Lavrov su Hitler

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov
Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov   -   Diritti d'autore  Maxim Shipenkov/AP

L’osservazione sul “sangue ebraico di Hitler” da parte del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha provocato la dura condanna di Israele tanto che Vladimir Putin si è dovuto scusare per l’errore storico con il primo ministro Naftali Bennet.

“Il primo ministro ha accettato le scuse e ringraziato il presidente Putin per aver chiarito il suo atteggiamento nei confronti del popolo ebraico e della memoria dell'Olocausto", si legge in una nota diffusa dopo la conversazione telefonica tra i due leader.

Per approfondire:L'intervista di Lavrov a Rete4

L'Onu: Mosca fermi la guerra

Intanto Mosca è stata accusata nuovamente dal segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, che ha ribadito il suo appello affinché fermi la guerra in Ucraina. "Non ho usato mezzi termini - ha dichiarato - A Mosca ho detto la stessa cosa che ho detto a Kiev, che è esattamente ciò che dichiarato più volte a New York, ovvero che l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia è una violazione della sua integrità territoriale e della Carta delle Nazioni Unite, e che deve cessare per il bene del popolo dell'Ucraina, della Russia e del mondo intero".

Il rappresentante russo all'Onu ha respinto le accuse sostenendo che la Russia è stata provocata, e continua ad esserlo, dall’afflusso di armi occidentali in Ucraina.

Durante la riunione del Consiglio di sicurezza, l’ambasciatrice americana all’Onu, Linda Thomas-Greenfield, ha detto che Mosca ha mentito ripetutamente con una serie di teorie del complotto e disinformazione, falsità una più ridicola dell'altra". "Non ci sono segnali che la guerra della Russia contro l'Ucraina si stia attenuando. La Russia ha violato la Carta delle Nazioni Unite, ignorando i nostri appelli globali e unificati per porre fine a questa guerra".

Leggi anche:

**Libertà di stampa e rischio propaganda: un equilibrio difficile
**

La classifica di RSF sulla libertà di stampa