This content is not available in your region

Corteo San Nicola Bari torna dopo 2 anni stop, dedicato a pace

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Il 7 maggio con 700 artisti tra attori, figuranti e ballerini
Il 7 maggio con 700 artisti tra attori, figuranti e ballerini

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">BARI</span>, 02 <span class="caps">MAG</span> – Sarà dedicato alla pace il corteo<br /> storico di San Nicola, che torna a Bari dopo due anni di<br /> pandemia in occasione della festa patronale in programma dal 6<br /> al 9 maggio. L’ultima edizione si è tenuta nel 2019. Il corteo<br /> sfilerà nelle vie del centro cittadino la sera del 7 maggio ma,<br /> per la prima volta, coinvolgerà i cinque municipi con<br /> altrettante anteprime in programma da oggi a venerdì:<br /> delegazioni di timpanisti, sbandieratori, attori, banditori e<br /> figuranti dopo una sfilata condurranno una riproduzione del<br /> quadro del santo in cinque diversi luoghi, le tre parrocchie di<br /> San Gabriele, Santa Rita e San Nicola, il parco 2 Giugno e il<br /> molo San Nicola. Lo spettacolo di sabato sera, che attraverserà<br /> il centro da piazza Federico II di Svevia fino alla Basilica nel<br /> cuore di Bari vecchia dove ci sarà lo spettacolo finale, ha la<br /> direzione artistica del regista Nicola Valenzano e coinvolgerà<br /> oltre 700 artisti, tra attori figuranti, 20 ballerini, un coro<br /> di 24 elementi e 8 danzatori a parete. “Sarà un corteo classico – ha detto il regista – , una vera rievocazione di quello che<br /> accadde il 7 maggio 1.087, con i cavalli, i costumi tipici delle<br /> diverse etnie, i marinai con i tamburi e la caravella”. Il tema<br /> scelto per questa rinnovata edizione del corteo storico sarà<br /> “Bari città di San Nicola, Bari città di pace”. “San Nicola torna a riempire le strade della città e torna a<br /> riempire i nostri cuori – ha detto il sindaco Antonio Decaro – .<br /> Sarà un messaggio di pace in questo momento difficile, attorno<br /> ai valori del nostro santo patrono sui cui abbiamo costruito la<br /> nostra identità”. “Quello nicolaiano – ha ricordato l’assessora<br /> alle Culture Ines Pierucci . è un culto internazionale, laico,<br /> religioso, ecumenico che unisce le terre e i popoli attraverso<br /> il mare”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.