This content is not available in your region

Scontri e cortei, il Primo maggio in Europa

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Nella manifestazione di Parigi si sono registrati scontri con gli agenti e vetrine infrante
Nella manifestazione di Parigi si sono registrati scontri con gli agenti e vetrine infrante   -   Diritti d'autore  Lewis Joly/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Grandi manifestazioni,  cortei con migliaia di partecipanti, slogan e proteste: come da tradizione in Europa si celebrato il Primo maggio, non senzaq momenti di tensione.

Scontri e vetrine infrante a Parigi

La manifestazione della città di Parigi è stata quella più turbolenta, con vetrine rotte e scontri con le forze dell'ordine. La stampa locale riporta 45 fermi e numerosi episodi violenti.Persino i pompieri cittadini hanno denunciato un'aggressione selvaggia a uno di loro.

Anche in altre parti della Francia le persone sono scese in strada: a Marsiglia, Lione, Nantes e Strasburgo cortei con migliaia di persone, mentre a Rennes, in Bretagna è stata proibita una dimostrazione della sinistra radicale. 

Scholz contestato a Düsseldorf

Tante città europee hanno visto sfilare i lavoratori, dalla Grecia alla Spagna. A Düsseldorf, in Germania, ha partecipato alle celebrazioni anche il Cancelliere Olaf Scholz, ricevendo però una sonora contestazione, con grida e fischi. Molti dei manifestanti non sono d'accordo con la politica governativa tedesca di aiutare militarmente l'Ucraina a fronteggiare l'attacco russo.

"Rispetto tutte le posizioni pacifiste, ma a un cittadino ucraino deve sembrare cinico sentirsi dire che devono difendersi dall'aggressione di Putin senza armi", le parole del cancelliere davanti alla folla.

A Istanbul, invece, la polizia in assetto antisommossa ha arrestato una ventina di sindacalisti ed esponenti politici che cercavano di raggiungere piazza Taksim per le celebrazioni. Gli agenti hanno pure tentato di impedire ai giornalisti presenti di filmare gli arresti.

La Giornata internazionale dei lavoratori si celebra anche in Russia, dove la ricorrenza, carica di significato durante l'epoca sovietica, è ora ribattezzata "Giornata della primavera e del lavoro". Per molti, il Primo maggio è stata pure l'occasione di esprimere il proprio sostegno alle politiche di Vladimir Putin. A Mosca centinaia di persone hanno deposto fiori al monumento commemorativo per i caduti della seconda guerra mondiale nel Parco della Vittoria.

Un Primo maggio internazionale

Ha scelto di inviare una delegazione a Bruxelles l'Unione Generale del Lavoro: invece di celebrare la giornata in Italia come da tradizione, ha organizzato un presidio di fronte al palazzo Berlaymont, che ospita la Commissione europea, nell'ambito dell'evento “Together for the Europe of work” che raduna associazioni sindacali di diversi Paesi europei. Presenti anche delegazioni da Albania, Spagna, Regno Unito, Romania. 

 "Lì vengono decise le sorti dei lavoratori italiani ed è dove la maggior parte delle regolamentazioni vengono definite”, ha detto il segretario generale dell’Ugl, Paolo Capone. Il riferimento è alle politiche lavorative comunitarie, che in maniera sempre più significativa incidono su quelle nazionali.