This content is not available in your region

Ucraina: card. Parolin, inviare armi è risposta debole

Access to the comments Commenti
Di ANSA
'Negoziato possibile solo senza precondizioni'
'Negoziato possibile solo senza precondizioni'

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – CITTÀ <span class="caps">DEL</span> <span class="caps">VATICANO</span>, 29 <span class="caps">APR</span> – “Abbandonare lo schema<br /> di guerra e assumere lo schema di pace significa rafforzare la<br /> partecipazione agli organismi internazionali e anche ritrovare<br /> una maggiore capacità di iniziativa europea. Quella in corso in<br /> Ucraina è una guerra tremenda nel cuore dell’Europa e<br /> dell’Europa cristiana. Non entro nel merito delle decisioni che<br /> i Paesi hanno preso per l’invio di armi all’Ucraina, che come<br /> nazione ha diritto a difendersi dall’invasione subìta. Dico<br /> soltanto che limitarsi alle armi rappresenta una risposta<br /> debole”. Lo dice il segretario di stato vaticano, card. Pietro<br /> Parolin per il quale occorre “arrivare a una soluzione<br /> negoziata”. Per Parolin un negoziato è possibile solo “senza<br /> precondizioni”, “il mio è un auspicio affinché si abbandonino le<br /> rigidità e si mostri quella flessibilità che sola può portare a<br /> negoziare una pace giusta, duratura, resistente. Precondizioni<br /> rigide non possono portare a nessuna conclusione, spero ci sia<br /> la volontà di questa flessibilità”. Il Segretario di Stato<br /> vaticano si è detto “pessimista” sul negoziato, ribadendo che<br /> tuttavia “dobbiamo insistere su questo altrimenti la guerra<br /> continuerà a divorare i figli dell’Ucraina”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.