This content is not available in your region

Finlandia e Svezia verso la Nato: Medvedev minaccia il ricorso al nucleare

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World
Magdalena Andersson e Sanna Marina: le due premier. (Stoccolma, 13.4.2022)
Magdalena Andersson e Sanna Marina: le due premier. (Stoccolma, 13.4.2022)   -   Diritti d'autore  AP   -  

Non si è fatta attendere la reazione del Cremlino al sempre più probabile ingresso nella Nato di Finlandia e Svezia. Dmitry Medvedev, vice presidente del Consiglio di Sicurezza russo, ha sollevato un'altra volta la minaccia di ricorrere ad armi nucleari come reazione alla possibile adesione: "Non si può più parlare di uno status di zona libera da armi nucleari per il Baltico. L'equilibrio deve essere ripristinato".

Via Telegram, Medvedev, ex primo ministro e già presidente della Russia, da sempre molto vicino a Vladimir Putin, ha dichiarato ironicamente che è possibile che il mondo sia ancora più "sicuro" nell'estate di quest'anno.

Le sue parole di Medvedev arrivano il giorno dopo la conferenza stampa congiunta dei primi ministri di Finlandia e Svezia, Sanna Marin e Magdalena Andersson.

Cleared
Messaggio telegram di Dmitry Medvedev, vice presidente del Consiglio di Sicurezza russoCleared

Il dibattito interno a Finlandia e Svezia

L'invasione russa dell'Ucraina ha riacceso il dibattito in Finlandia e in Svezia sulla loro possibile adesione alla NATO.

I due paesi si sentono direttamente minacciati dalla guerra di Vladimir Putin.
Soprattutto la Finlandia, che confina con la Russia per più di 1.300 chilometri (una città, Imatra, dista appena 5 km dalla frontiera), e che ha una storia secolare di conflitto con Mosca.

Partner stretti, ma ancora ancora membri

La Finlandia e la Svezia sono attualmente partner stretti della NATO (e partecipano alle esercitazioni, come "Cold Response 2022", in Norvegia), ma non ancora membri. E un loro ingresso ufficiale cambierebbe radicalmente la situazione geopolitica nell'area scandinava.

La premier finlandese Sanna Marin(36 anni) ha incontrato, mercoledì, la Prima Ministra svedese Magdalena Andersson (55 anni) a Stoccolma: un calendario non è ancora pronto, ha dichiarato, ma si aspetta che la Finlandia possa decidere entro pochi mesi di presentare una domanda ufficiale di adesione alla NATO.

La base è un documento/rapporto di sicurezza attuale sui vantaggi e gli svantaggi dell'adesione alla NATO. Questo include, prima di tutto, la reazione di Mosca.

"Naturalmente ci sono molti rischi. E dobbiamo essere preparati a tutti i tipi di azioni da parte della Russia. <br>In realtà, quando abbiamo dato il documento al Parlamento svedese abbiamo anche analizzato questi rischi: minacce, attacchi informatici, diversi tipi di influenza da parte della Russia".
Sanna Marin
36 anni, Prima Ministra Finlandia, in carica dal 10 dicembre 2019
Paul Wennerholm/Paul Wennerholm/TT
Sanna Marin alla conferenza stampa di Stoccolma.Paul Wennerholm/Paul Wennerholm/TT

Adesione contemporanea alla Nato?

Le due leader concordano: è importante che i due paesi, Svezia e Finlandia, si coordinino strettamente sulla modalità di adesione. Stoccolma, in special modo, invoca una riflessione "interna" al Paese. "Dobbiamo davvero pensare a ciò che è meglio per la Svezia, la nostra sicurezza e la nostra pace, in questa nuova situazione", ha dichiarato Magdalena Andersson, Prima Ministra della Svezia. "Naturalmente, seguaimo con interesse ciò che sta accadendo e la discussione in corso in Finlandia. Dobbiamo avere un contatto molto stretto, per poi continuare una riflessione interna".

Paul Wennerholm/Paul Wennerholm/TT
Magdalena Andersson durante il suo intervento.Paul Wennerholm/Paul Wennerholm/TT

Storicamente i cittadini svedesi sono sempre stati piuttosto scettici sull'eventuale adesione alla NATO.

Interviste a Stoccolma

Marit Kjellin, pensionata: "Non sono sicura in questo momento, penso che dovremmo aspettare di vedere cosa succede e cosa ne pensa la gente".

Screengrab
"Aspettiamo a vedere cosa succede".Screengrab

Tomas Cederlund, architetto: "Siamo persone buone e simpatiche e se ci uniamo alla NATO andremo a far parte di una forza più grande... Non lo so, non credo che sarebbe un bene".

Screengrab
"Non credo sia un bene!"Screengrab

Puck, donna residente a Stoccolma: "Siamo due Paesi vicini e dobbiamo restare uniti, credo".

Screengrab
"Dobbiamo stare uniti!"Screengrab

Decide il vertice-NATO di Madrid del 29-30 giugno

In entrambi i Paesi, sarà il Parlamento a decidere.

Finlandia e Svezia, probabilmente, prenderanno la strada della NATO insieme. Le domande di adesione potrebbero arrivare prima del vertice-NATO di Madrid del 29-30 giugno.

Euronews racconta

Fino a qualche giorno fa, sembrava che la Svezia fosse indietro nei "tempi" di adesione rispetto alla Finlandia. Invece, è probabile che i due Paesi chiederanno l'adesione alla NATO nello stesso momento.