Droga: 15 arresti a Brindisi, anche poliziotto penitenziario

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Ricercato in patria per 19 omicidi e tentati omicidi
Ricercato in patria per 19 omicidi e tentati omicidi

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">BRINDISI</span>, 11 <span class="caps">APR</span> – C‘è anche un assistente capo<br /> della polizia penitenziaria del carcere di Taranto, il 54enne di<br /> Ostuni Michele De Luca, tra le 15 persone arrestate<br /> nell’operazione antidroga compiuta dagli agenti della Squadra<br /> Mobile di Brindisi e del Commissariato di Mesagne. L’agente – a<br /> quanto si apprende – avrebbe spacciato dosi di droga fuori<br /> dall’orario di lavoro e in una zona diversa dal carcere.<br /> L’operazione, chiamata “Day by Day”, è cominciata acquisendo<br /> riscontri su un’aggressione fisica non denunciata a Mesagne<br /> (Brindisi), che gli inquirenti ritengono rientrasse in una<br /> intimidazione legata al mancato pagamento dell’acqusto di droga.<br /> Oltre 300 grammi di cocaina sono stati sequestrati dall’avvio<br /> delle indagini, iniziate nel settembre del 2020. In totale sono<br /> 20 gli indagati.<br /> Dall’inchiesta emerge anche che alcuni pusher erano obbligati ad<br /> ingoiare la cocaina per evitare di essere scoperti dalle forze<br /> dell’ordine. Gli ordini – a quanto è stato riferito – provenivano dalla coppia ritenuta ai vertici della rete di<br /> pusher. La base operativa dello spaccio era un appartamento nel<br /> centro di Brindisi dove la cocaina veniva preparata in dosi e<br /> poi immessa sul mercato, tra Mesagne e Ostuni. Tra gli<br /> acquirenti professionisti e piccoli imprenditori. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.