A caccia di mine: le esercitazioni della Marina rumena nel Mar Nero

Access to the comments Commenti
Di Gianluca Martucci
Militari della marina rumena
Militari della marina rumena   -   Diritti d'autore  Hiro Komae/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved   -  

La marina militare rumena è in stato di massima allerta da più di una settimana per il pericolo di mine nel Mar Nero. Da giorni i militari e gli artificieri subacquei simulano operazioni di rilevamento e neutralizzazione delle mine per essere preparati in caso di necessità reale. L'addestramento è durato a lungo; ora gli uomini della marina stanno mettendo in pratica quanto appreso.

L'allerta massima è inevitabile. "Le correnti possono spingere le mine fino alla costa e noi ci occupiamo di neutralizzare e spostare l'ordigno in un luogo adatto alla distruzione", spiega Cătălin Gherghinescu, comandante della divisione degli artificieri subacquei.

Le scelte più difficili spettano ai comandanti

“Le mine sono piccole e può essere difficile individuarle quando il mare è agitato" aggiunge Mihaela Cosma, osservatore scientifico della nave. Le scelte più difficilli competono al comandante della nave, che deve improvvisare la scelta migliore per evitare le bombe che potrebbero trovarsi in mare. "Questo è il motivo della massima allerta", spiega il comandante della nave che sta svolgendo l'operazione Daniel Gheorma.

Per orientarsi al meglio nel Mar Nero le navi seguono corridoi speciali, sottolinea un portavoce della marina.

Le missioni anti mine sono all'ordine del giorno. Le navi in entrata e in uscita dai porti rumeni sono costantemente ispezionate per evitare qualsiasi pericolo da quando è scoppiata la guerra in Ucraina.

Anche le navi mercantili che servono i commerci nel Mar Nero sono avvertite. Il governo ucraino ha accusato la Russia di aver seminato in mare un numero notevole di mine e la scorsa settimana la marina rumena ha dichiarato di aver distrutto una mina rintracciata da un pescatore.