This content is not available in your region

Biden: "Putin va processato". Mosca diserta l'udienza all'Aja e attacca: "Si inizi da Jugoslavia"

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden   -   Diritti d'autore  Andrew Harnik/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved   -  

Un processo per crimini di guerra nei confronti del presidente russo Vladimir Putin. Il presidente statunitense Joe Biden lo ha chiesto dopo che il mondo ha potuto vedere le atrocità commesse nella città ucraina di Bucha. Gli Stati Uniti indagano con altri 40 Paesi su violazioni e abusi, dopo una risoluzione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite che ha istituito una commissione d'inchiesta. Un'altra è stata avviata dalla Corte penale internazionale dell'Aia.

"Forse ricorderete che sono stato criticato per aver definito Putin criminale di guerra - ha detto Biden lunedì - Ma abbiamo visto cosa è successo a Bucha. È un criminale di guerra. Ma ora dobbiamo raccogliere informazioni, continuare a fornire all'Ucraina le armi di cui ha bisogno per combattere. E raccogliere tutti i dettagli, in modo da poter mettere in campo un vero e proprio processo per crimini di guerra. Questa persona è brutale. Quanto successo a Bucha scandaloso. Ed è sotto gli occhi di tutti".

L'appoggio dell'Ue alle indagini

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, dopo un colloquio con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato che l'Unione è pronta a inviare personale investigativo per raccogliere prove, in coordinamento con il procuratore generale ucraino.

Al tribunale penale dell'Aia si è tenuto il primo di due giorni di udienza per genocidio, in un'indagine parallela avviata sulla guerra in Ucraina. Kiev ha chiesto di ordinare il ritiro della Russia, che non si è presentata in udienza.

Dall'inizio dell'invasione russa alla procura generale ucraina sono arrivate segnalazioni di oltre 7.000 crimini di guerra, ha detto la procuratrice generale Irina Venediktova nel pomeriggio. Le squadre investigative incaricate sono composte da rappresentanti della polizia nazionale e del servizio di sicurezza dell'Ufficio investigativo statale. La procura ha aperto il portale warcrime.gov.ua per raccogliere le denunce dei cittadini.

La replica di Mosca

Alle accuse del presidente statunitense il Cremlino ha reagito con durezza. "Se gli americani vogliono investigare i crimini di guerra, "comincino con i bombardamenti sulla Jugoslavia e l'occupazione dell'Iraq", ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova. 

"Non appena finiscono, possono passare ai bombardamenti nucleari sul Giappone".

Seggio a rischio

Nel frattempo, l'inviato principale di Biden alle Nazioni Unite, l'ambasciatore Linda Thomas-Greenfield, ha annunciato che gli Stati Uniti hanno intenzione di chiedere la sospensione della Russia dal suo seggio nel massimo organo per i diritti umani delle Nazioni Unite. Questo provvedimento richiederebbe il voto dell'Assemblea Generale dell'Onu.

La Russia e gli altri quattro membri permanenti del Consiglio di sicurezza Onu - Gran Bretagna, Cina, Francia e Stati Uniti - siedono nel Consiglio dei Diritti Umani, che conta 47 membri e ha sede a Ginevra. Gli Stati Uniti sono rientrati nel consiglio quest'anno per decisione di Biden.