16enne lascia Albania in autostop e suona campanello caserma Cc

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Non parla italiano, affidato a comunità Don Bosco. Accertamenti
Non parla italiano, affidato a comunità Don Bosco. Accertamenti

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">MONTE</span> <span class="caps">SAN</span> <span class="caps">SAVINO</span> (<span class="caps">AREZZO</span>), 31 <span class="caps">MAR</span> – Ha raccontato,<br /> con l’aiuto di un interprete, di essere fuggito da una<br /> situazione difficile in Albania e attraverso mezzi di fortuna<br /> essere arrivato in Italia a Monte San Savino (Arezzo) dove si è<br /> presentato ai carabinieri. Il ragazzo, di soli 16 anni, era solo<br /> e non parlava una parola di italiano. Ai militari, che lo hanno<br /> rifocillato, con l’aiuto di un interprete, ha detto di aver<br /> lasciato Tirana e con autostop , autobus e treno di essere<br /> arrivato a Monte San Savino. I carabinieri hanno avvisato i<br /> servizi sociali del Comune e la procura della Repubblica per i<br /> minori di Firenze per aprire un fascicolo e cercare di<br /> ricostruire storia e motivazioni che hanno spinto il minore ad<br /> espatriare e arrivare nell’Aretino. Al momento il 16enne è stato<br /> affidato alla comunità ‘Don Bosco’ di Arezzo. Secondo quello che il ragazzo ha raccontato ai carabinieri<br /> avrebbe lasciato il proprio Paese, a suo dire, perché stanco dei<br /> maltrattamenti del padre. Tra gli accertamenti i carabinieri<br /> stanno cercando di capire se qualcuno ha instradato il giovane<br /> per venire in Italia e in particolare direttamente proprio a<br /> Monte San Savino, e per quale motivo, inoltre vengono cercate<br /> notizie della famiglia. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.