Elezioni in Ungheria: le impari opportunità dell'opposizione a Orbán

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Elezioni in Ungheria: le impari opportunità dell'opposizione a Orbán
Diritti d'autore  euronews   -  

A Péter Márki-Zay, il candidato ungherese a primo ministro dell'opposizione, a capo di una coalizione di sei partiti, è stato dato un totale di cinque minuti nei media pubblici, compresi quelli finanziati dai contribuenti, per presentare il suo programma elettorale.
La piattaforma programmatica della minoranza raggiunge a malapena una parte significativa del pubblico ungherese.

FERENC ISZA/AFP or licensors
Péter Márki-Zay, candidato ungherese opposizioneFERENC ISZA/AFP or licensors

Secondo l'esperto elettorale Róbert László, questa è una delle più grandi anomalie del sistema elettorale dell'Ungheria a cui si aggiunge il fatto che il governo ha fatto campagna elettorale per dodici anni con denaro pubblico, spendendo centinaia di volte di più dell'opposizione. 

Ma ci sono anche altri problemi: "Molte persone vivono in una situazione così vulnerabile che danno per scontato che, per rimanere nel programma di lavori pubblici o per ottenere qualche beneficio a livello locale, alle elezioni - che siano locali o nazionali - devono mettere la loro X nel posto giusto al momento giusto - sottolinea László - Non hanno necessariamente bisogno di essere intimiditi per farlo, sono stati piegati durante tutto questo tempo".

Le elezioni ungheresi stanno attirando una crescente attenzione a causa delle condizioni non equilibrate. L'Ungheria è il primo Stato membro dell'Unione europea a ricevere una missione di osservatori Osce, l'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa.

ALEX HALADA/AFP or licensors
Osservatori Osce in UngheriaALEX HALADA/AFP or licensors

"Non saranno gli osservatori dell'Osce a prevenire possibili frodi elettorali, ma saranno in grado di documentarle come mai prima. Inoltre, la presenza estrena può avere un effetto deterrente, si spera. Anche nei comuni più piccoli, se ci si aspetta che gli osservatori possano entrare in qualsiasi momento, è possibile che ci siano individui o piccoli gruppi di individui che - pur progettando di imbrogliare - dicano: 'Ok, non questa volta' " spiega Róbert László.

Il partito di maggioranza Fidesz ha rimodellato il sistema elettorale a suo favore. Gli ungheresi che vivono nei Paesi vicini, che sono in gran parte simpatizzanti del governo e che non hanno un indirizzo ungherese, possono votare per posta, ma quelli che sono emigrati devono andare in un ufficio di rappresentanza all'estero, spesso a diverse ore di macchina dal prorpio domicilio.

Inoltre, le circoscrizioni sono state ridisegnate nel 2011 in un modo che Fidesz abbia un vantaggio di qualche punto percentuale. 

Anche il meccanismo di assegnazione dei seggi rafforza in modo sproporzionato il vincitore.

Tuttavia, questo potrebbe anche essere un vantaggio per l'opposizione, in caso di un maggior numero di voti di lista incassati.