Il porto di Toamasina, linfa vitale del Madagascar

Di Damon Embling
Il porto di Toamasina, linfa vitale del Madagascar
Diritti d'autore  euronews

Il porto di Toamasina è la linfa vitale del Madagascar. Da qui passa circa l'80% delle merci nazionali e globali. E ora, grazie ai finanziamenti e alle competenze del Giappone, sta quadruplicando la sua capacità. Contribuendo ad migliorare la connettività e l'economia in Madagascar e non solo. Il porto collega il paese con l'Asia, l'Europa, il Golfo Persico e gli altri paesi africani. Ma con l'aumento della popolazione del Madagascar, anche il porto deve crescere.

"Le infrastrutture esistenti nel porto sono obsolete perché hanno 50 anni - dice Christian Eddy Avellin, direttore generale dell'autorità portuale -. Oggi abbiamo solo una banchina per i container, con una profondità limitata. E anche lo spazio di stoccaggio è limitato".

Il porto si sta espandendo, con la creazione di una nuova banchina lunga 470 metri e di un'area di stoccaggio per container. Anche la profondità degli ormeggi esistenti è stata aumentata. Si tratta di un'enorme spinta per la connettività, che permetterà a più navi da carico, anche di dimensioni maggiori, di arrivare qui in futuro. In questo momento, circa 250.000 container passano attraverso il porto ogni anno, ma quel numero è destinato a salire a un milione.

Tokyo ha finanziato il progetto con un prestito di 350 milioni di euro, oltre a fornire le proprie competenze ingegneristiche. "Una ventina di giapponesi e cinquanta persone di altri paesi stanno insegnando i metodi di costruzione a 600 operai del Madagascar e ad altri 100 dipendenti del posto", dice Taguchi Haruhiro, direttore esecutivo dell'impresa che sta seguendo i lavori.

Il Giappone finanzia da tempo progetti di sviluppo nel continente africano. Alcuni di questi progetti contribuiscono alla realizzazione di un Indo-Pacifico libero e aperto. Una visione condivisa dal Giappone e da molti altri paesi, tra cui Australia, India e Stati Uniti, e aperta ad altri paesi con lo stesso obiettivo. Il porto di Toamasina è il cuore di questo progetto.

"Questo progetto fa parte di una visione che punta a migliorare la connettività attraverso lo sviluppo di infrastrutture di qualità - dice Tanaka Kaori, rappresentante dell'Agenzia giapponese di cooperazione internazionale -. Il governo giapponese crede che stabilire un ordine internazionale libero e aperto, basato sullo stato di diritto nella regione indopacifica, assicurerà la pace e la prosperità in questa regione".

Si prevede che, al termine dei lavori di costruzione, verranno creati fino a 1000 nuovi posti di lavoro. Una spinta economica per la città di Toamasina e per tutto il Madagascar, grazie anche al miglioramento dei collegamenti stradali e ferroviari previsti e un nuovo hub per il trasporto di persone e merci nella capitale Antananarivo.