Guerra in Ucraina: i timori della Moldavia, un paese con il fiato sospeso

Access to the comments Commenti
Di Julian GOMEZ
Witness
Witness   -   Diritti d'autore  euronews

**Militarmente neutrale ma con inequivocabili aspirazioni europee e con un'economia fortemente dipendente sia dall'Occidente che dalla Russia: la Moldavia è il vicino più fragile dell'Ucraina. L'inviato di Euronews Julián López Gómez è andato lì per cercare di trovare delle risposte:**ha trascorso tre giorni viaggiando nel paese e incontrando decine di persone, filo-occidentali e filo-russe; moldavi e russofoni; ministri e proprietari di piccole imprese. L'impressione che ha avuto è quella di un paese che trattiene il respiro. Questo è il suo racconto.

Il mio primo appuntamento è con la famiglia Maxemchuk in un parco di Chisinau, la capitale della Moldavia. Sembra una rilassante passeggiata domenicale, ma la tensione e l'angoscia sono palpabili in questa coppia statunitense-moldava e nei loro quattro figli. Dopo 19 anni di vita qui, hanno le valigie pronte nel caso siano obbligati a lasciare il paese.

"La maggior parte della gente qui capisce che molto facilmente potremmo essere noi i prossimi. È una situazione geopolitica molto simile a quella dell'Ucraina", dice John. "Ma non abbiamo troppe persone da difendere. Gli ucraini sono coraggiosi. Gli ucraini che sono rimasti, uomini e donne, si stanno difendendo", aggiunge Aliona.

John osserva poi che "questo è un paese piccolo. Credo che la sola Kiev abbia più abitanti della Moldavia". Aliona non riesce a trattenere le lacrime. "Non vogliamo che i nostri figli vedano questo - dice -. Che sentano i bombardamenti, gli spari. Non vogliamo lasciare i nostri padri e i nostri fratelli qui a combattere perché. Questa non è la nostra lotta. Questa è la nostra casa".

Euronews
La Moldavia ha 2,6 milioni di abitanti ed è il paese più povero d'EuropaEuronews

Con appena 2,6 milioni di abitanti, questa ex repubblica sovietica è il paese più povero d'Europa. Dalla sua indipendenza dall'Unione Sovietica nel 1991, i partiti filo-occidentali e filo-russi hanno pesantemente polarizzato il dibattito politico.

Il mio prossimo incontro è al ministero degli Esteri. Dopo aver condannato con veemenza l'invasione russa, il governo filo-occidentale ha presentato ufficialmente domanda di adesione all'Unione europea. Nicu Popescu, vice primo ministro e ministro degli Eesteri, mi dice che il paese si sente vulnerabile.

"La maggior parte dei vicini meridionali dell'Ucraina sono nell'Unione europea e nella Nato - dice Popescu -. Hanno garanzie sulla sicurezza. Hanno un livello di resilienza molto più alto. Hanno economie che funzionano meglio. Bilanci più consolidati. Istituzioni più forti. La Moldavia è stata governata male per molti anni, ha avuto alti livelli di corruzione, problemi di debolezza istituzionale. Inoltre ha ha un conflitto separatista. In questo senso la Moldavia è uno stato fragile in una regione molto difficile. Con questa guerra, la nostra priorità numero uno è stata quella di mantenere la società unita, e posso dire che, in larga misura, questa guerra ha effettivamente unito la nostra società".

Tradizionalmente euroscettica e russofila, l'opposizione parlamentare ha finora contribuito a questa unità. Incontro un deputato del Partito dei Socialisti della Repubblica di Moldavia (PSRM). Il gruppo, che conta 22 deputati, ha chiesto ripetutamente negoziati di pace. Ha anche proposto leggi specifiche per sviluppare la neutralità costituzionale della Moldavia.

"Penso che finché continuiamo ad essere neutrali, saremo al sicuro - dice Adrian Lebedinschi -. Ci sono gli esempi di altri paesi, come la Svizzera, l'Austria o il Liechtenstein, e molti altri nel mondo, che hanno annunciato la loro volontà di essere neutrali. E questo ha permesso loro di non essere finora parte di alcun conflitto militare".

Eppure la Moldavia ospita già un conflitto militare latente. Viaggio verso il confine artificiale con la Transnistria. Dopo la guerra nei primi anni '90, questa regione filorussa ha dichiarato l'indipendenza, ma nessun paese delle Nazioni Unite l'ha riconosciuta. Circa 1.400 truppe russe sono schierate lì. La Russia ha anche stabilito un consolato. Reagendo agli sforzi moldavi per l'adesione all'Unione europea, la regione ha rinnovato la sua richiesta di riconoscimento internazionale.

Euronews
La Transnistria, regione filo-russa sostenuta dal Cremlino, ha proclamato la propria indipendenza all'inizio degli anni '90Euronews

Cerco di portare lì le nostre telecamere, ma non mi è permesso. Per sapere come stanno vivendo il conflitto, chiamo un ingegnere informatico russo che vive a Tiraspol, òa capitale della regione. "L'atmosfera non è così cattiva - dice al telefono il mio contatto, che preferisce rimanere anonimo -. Ma un sacco di gente non sa chi appoggiare. Non capiscono chi ha ragione e chi ha torto. In Transnistria ci sono molti pensionati russi che ricevono dei soldi dalla Russia. Questo è il gruppo di persone più problematico, sono sotto stress".

L'ingegnere mi dice che dall'invasione russa ha perso metà del suo stipendio. Gli chiedo se la gente in Transnistria è preoccupata per il suo futuro."La gente si preoccupa della propria carriera, della vita di tutti i giorni. Ma con la guerra così vicina ai nostri confini, le preoccupazioni raddoppiano - mi dice -. La gente in Europa deve capire che la Transnistria non è un aggressore, ma è da sempre per la pace".

La Transnistria non è l'unico posto che cerca di calmare le tensioni latenti. Mi dirigo a sud-est, verso un'altra regione sensibile, a soli 35 km dal confine con l'Ucraina: la Gagauzia è un territorio autonomo con legami politici, sociali e culturali molto stretti con la Russia. In un referendum di otto anni fa una maggioranza schiacciante degli elettori qui ha optato per legami ancora più stretti con la Federazione Russa rispetto all'integrazione nell'Ue.

Ma in questi giorni le autorità locali preferiscono mantenere uno stretto riserbo sulla questione. Questa è almeno l'impressione che ho avuto dopo aver ascoltato Gheorghii Leiciu, vicepresidente dell'Assemblea nazionale del popolo della Gagauzia. Appena fuori dalla sede dell'Assemblea c'è un'enorme statua di Vladimir Lenin. "Questa è una specie di lotta tra fratelli - mi dice Leiciu in russo -. Non possiamo vedere la situazione in bianco e nero. Se ci chiedessero di prendere posizione, non potremmo farlo. Speriamo solo che la situazione finisca con la pace". 

Anche se pacificata politicamente, la Moldavia affronta enormi tensioni sociali ed economiche. La guerra in Ucraina ha ulteriormente indebolito un'economia già provata dalla pandemia e dalla crisi energetica. Quasi totalmente dipendente dall'energia russa, il paese deve fare i conti con un'inflazione galoppante, stagnazione e interruzioni nelle catene di approvvigionamento.

In aggiunta a tutto questo, la popolazione della Moldavia è aumentata di quasi il 4% dall'inizio del conflitto in Ucraina. Centinaia di migliaia di rifugiati ucraini hanno cercato sicurezza all'interno dei suoi confini e i moldavi hanno fatto enormi sforzi per aiutarli. Ho visitato il più grande rifugio del paese, utilizzato come ospedale all'apice della pandemia da Covid-19. Il giorno in cui sono arrivato c'erano 600 madri e bambini.

Non lontano dal rifugio, la famiglia Maxemchuk mi dice che anche loro sono attivamente coinvolti in vari programmi di aiuto per i rifugiati. Nonostante la situazione sempre più difficile hanno deciso di restare. Per ora. "Penso che alla fine il potere, la forza e il grande cuore della gente vinceranno. Devono vincere", conclude Aliona, mentre si allontana con suo marito, i suoi quattro figli e il loro labrador nero.