Covid: Cei, stop protocollo per messe,mascherine fino aprile

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Ma restano vuote acquasantiere, niente strette mano per la pace
Ma restano vuote acquasantiere, niente strette mano per la pace

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 25 <span class="caps">MAR</span> – Il superamento delle misure di<br /> contrasto alla diffusione dell’epidemia da Covid-19, in<br /> conseguenza della cessazione dello stato di emergenza, “offre la<br /> possibilità di una prudente ripresa. In seguito allo scambio di<br /> comunicazioni tra Conferenza Episcopale Italiana e Governo<br /> Italiano, con decorrenza 1° aprile 2022 è stabilita<br /> l’abrogazione del Protocollo del 7 maggio 2020 per le<br /> celebrazioni con il popolo”. Lo riferisce la Cei secondo la<br /> quale “tuttavia, la situazione sollecita tutti a un senso di<br /> responsabilità e rispetto di attenzioni e comportamenti per<br /> limitare la diffusione del virus”. L’obbligo di mascherine nei luoghi di culto al chiuso ci sarà<br /> fino al 30 aprile. Non è invece obbligatorio rispettare la<br /> distanza interpersonale di un metro. “Si predisponga però quanto<br /> necessario e opportuno per evitare assembramenti specialmente<br /> all’ingresso, all’uscita e tra le persone che, eventualmente,<br /> seguono le celebrazioni in piedi”, suggerisce la Cei. Come anche<br /> chiede ai parroci di continuare a osservare “l’indicazione di<br /> igienizzare le mani all’ingresso dei luoghi di culto”. Resteranno vuote le acquasantiere e per lo scambio di pace “è<br /> opportuno continuare a volgere i propri occhi per intercettare<br /> quelli del vicino e accennare un inchino, evitando la stretta di<br /> mano o l’abbraccio”. Per la distribuzione dell’Eucaristia i<br /> ministri continueranno a indossare la mascherina e a igienizzare<br /> le mani prima di distribuirla preferibilmente nella mano. Si chiede inoltre di non partecipare alle celebrazioni per<br /> chi ha sintomi influenzali e chi è sottoposto a isolamento<br /> perché positivo al Covid-19. Indicazioni vengono date anche per<br /> l’areazione degli ambienti e l’igienizzazione di chiese e<br /> sagrestie. “E’ possibile riprendere la pratica delle<br /> processioni”, indica ancora la Cei. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.