This content is not available in your region

Diffamò circolo Mieli, condannato medico antigay

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Difesa, travisato il senso delle sue parole
Difesa, travisato il senso delle sue parole

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">TORINO</span>, 18 <span class="caps">MAR</span> – È stata confermata dalla Corte di<br /> Appello di Torino la condanna al pagamento di mille euro di<br /> multa per Silvana De Mari, 66 anni, medico e blogger torinese<br /> conosciuta per le sue posizioni anti gay. La donna era imputata<br /> di diffamazione ai danni di un circolo Lgtb intitolato a Mario<br /> Mieli, che si è costituito parte civile con l’avvocato Michele<br /> Poté. L’accusa era di avere associato al sodalizio, in alcune<br /> dichiarazioni, termini come “pedofilia, necrofilia e<br /> coprofagia”. Gli avvocati difensori, Gianluca Visca e Giovanni Formicola,<br /> avevano replicato che non si trattava di critiche rivolte agli<br /> attivisti. La sentenza del primo grado è del 2019. “Spiace che non sia stato colto il senso vero delle parole<br /> della dottoressa De Mari. Leggeremo le motivazioni della<br /> sentenza e sicuramente ricorreremo per Cassazione”, dichiara<br /> l’avvocato Gianluca Visca, che ha difeso Silvana De Mari insieme<br /> al collega Giovanni Formicola. “Le parole della dottoressa – spiega il legale – non hanno mai inteso offendere né<br /> l’associazione né i suoi componenti. Erano solo una lamentela,<br /> in quanto, in un periodo di austerità nel quale si tagliavano le<br /> spese per scuole e ospedali, lo Stato contribuiva a finanziare<br /> un circolo intitolato a una figura che nella propria sfera<br /> intellettuale inneggiava a una serie di pratiche quali la<br /> coprofagia e la pedofilia”. “Non c‘è mai stata – ribadisce l’avvocato Visca – nessuna<br /> forma di accanimento nei confronti dell’associazione e dei<br /> singoli associati. Prendiamo atto invece che da parte<br /> dell’Associazione non è mai intervenuto un chiarimento circa la<br /> loro posizione rispetto al loro eponimo”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.