This content is not available in your region

Ucraina:fratelli di 2 e 3 anni ricoverati in Pediatrico Bari

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Sono con la mamma 21enne e hanno il covid
Sono con la mamma 21enne e hanno il covid

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">BARI</span>, 17 <span class="caps">MAR</span> – Da Vasylkiv, città alle porte di<br /> Kiev, sino in Calabria e poi a Bari: due bimbi ucraini di 2 e 3<br /> anni, insieme alla loro mamma di 21 anni, ieri sera sono<br /> arrivati in Puglia e sono stati ricoverati nel reparto di<br /> Malattie infettive dell’ospedale pediatrico Giovanni <span class="caps">XXIII</span> dopo<br /> essere risultati positivi al Covid. Sono, però, in corso altri<br /> accertamenti per capire le condizioni di salute generale dei due<br /> piccoli. A disposizione della famiglia ucraina ci sono anche gli<br /> psicologi dell’ospedale Giovanni <span class="caps">XXIII</span> che si occuperanno di<br /> seguire i più piccoli che hanno subito il trauma del distacco e<br /> della guerra. I tre provengono da Vasylkiv, città alle porte di<br /> Kiev fortemente colpita dai bombardamenti bellici, e sono<br /> arrivati in Italia a bordo di un furgone con un gruppo di altri<br /> bambini. “Fin dall’inizio del conflitto in Ucraina il Policlinico di<br /> Bari ha risposto all’sos internazionale mettendo a disposizione<br /> posti letto e cure specialistiche. Il valore della solidarietà<br /> che anima e guida il nostro servizio sanitario nazionale va<br /> oltre ogni frontiera. I nostri professionisti si prenderanno<br /> cura al meglio dei piccoli pazienti arrivati all’ospedale<br /> pediatrico Giovanni <span class="caps">XXIII</span> sperando di poterli dimettere il prima<br /> possibile”, dichiara Giovanni Migliore, direttore generale del<br /> Policlinico di Bari. “I bambini sono in buone condizioni, la<br /> mamma assumeva già altri farmaci ma stiamo sottoponendo tutti a<br /> controlli prima di poter somministrare terapie”, spiega la<br /> dottoressa Desirèe Caselli. A supportare i medici ci sono anche<br /> i mediatori culturali. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.