This content is not available in your region

Stalking a Marta Collot, Procura impugna il proscioglimento

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Il caso a Bologna, vittima la leader di Potere al Popolo
Il caso a Bologna, vittima la leader di Potere al Popolo

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">BOLOGNA</span>, 15 <span class="caps">MAR</span> – I comportamenti molesti ci sono<br /> stati e sono stati reiterati, così come ci sono state minacce<br /> anche implicite e verso persone legate alla vittima e si sono<br /> verificati gli eventi tipici del reato di stalking: l’aver<br /> ingenerato un perdurante stato di ansia e il timore per sé e per<br /> le persone vicine, oltre ad averla costretta a cambiare le<br /> abitudini di vita. Sono alcuni degli elementi affermati dalla<br /> Procura di Bologna che, con il pm Marco Imperato, ha impugnato<br /> davanti alla Corte di appello il proscioglimento arrivato il<br /> primo marzo per l’uomo accusato di stalking nei confronti di<br /> Marta Collot, portavoce nazionale di Potere al Popolo. L’imputato, Alberto Tagliati, è attualmente in carcere per lo<br /> stesso reato di atti persecutori a Collot: si tratta di un<br /> secondo fascicolo, successivo e nato da una seconda denuncia<br /> della giovane attivista politica, a distanza di due anni dalla<br /> prima. Il carcere per queste ultime condotte, iniziate proprio<br /> quando è stata fissata l’udienza del primo procedimento, è stato<br /> confermato anche dal tribunale Riesame, il 4 marzo. Tre giorni prima il Gup Letizio Magliaro ha pronunciato<br /> sentenza di non luogo a procedere perché il fatto non sussiste<br /> per il primo segmento di accuse e ora la Procura impugna,<br /> insistendo sull’abitualità dei comportamenti persecutori,<br /> “confermata dalla pluralità di condotte specificamente<br /> contestate” e sostenendo che “il giudice non ha adeguatamente<br /> considerato la valenza delle singole condotte nel contesto,<br /> anche alla luce del profilo di elevata pericolosità di Tagliati. Nei giorni scorsi Collot e Pap avevano fatto un presidio<br /> davanti al tribunale, per protestare contro il proscioglimento.<br /> In quell’occasione Collot aveva anche rivelato di essere stata<br /> vittima di uno stupro tre anni fa, nel parco di via Parri. Una<br /> vicenda diversa dal caso di stalking. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.