This content is not available in your region

Caro carburante, il caso Sardegna: autotrasportatori sul piede di guerra

Access to the comments Commenti
Di Stefania De Michele
Caro carburante
Caro carburante   -   Diritti d'autore  SAMEER AL-DOUMY/AFP or licensors   -  

La filiera del disagio parte da lontano: la crisi ucraina si riflette pesantemente sul costo di benzina e diesel, che in Italia hanno già abbondantemente sforato i 2 euro al litro. 

Autotrasportatori e flotte di pescherecci hanno minacciato lo sciopero, bocciato dalla Commissione di garanzia per il "mancato rispetto del termine di preavviso di 25 giorni e l'assenza della predeterminazione della durata dell'astensione".
Ma in Sardegna, dove il trasporto delle merci su gomma è prioritario, la protesta non si ferma.

"Nessuna organizzazione sindacale ha proclamato lo sciopero: si tratta di una serrata annunciata da un numero non trascurabile di trasportatori per l'isola - dice il segretario generale della Filt-Cgil Sardegna, Arnaldo Boeddu - il problema del caro carburante è sotto gli occhi di tutti, ma servono soluzioni strutturali da parte del governo".

La paura dei rincari e l'assalto a market e stazioni di servizio

L'annuncio della protesta, nei giorni scorsi, aveva fatto temere il blocco delle merci, soprattutto dei prodotti alimentari, e dei rifornimenti di carburante: uno scenario che - anche per l'allarme di altri possibili aumenti dei prezzi - si era tradotto nella corsa all'acquisto di cibo (pasta, zucchero, farina, olio e riso), con file di auto alle stazioni di servizio per fare il pieno di benzina.

"La situazione si è più o meno normalizzata - spiega Boeddu - è però bastato un messaggio virale, fatto girare da alcuni di questi autotrasportatori, che ha creato un vero e proprio panico, un allarme ingiustificato e ingiustificabile, condannato dalle organizzazioni sindacali". 

Appello al governo: "Giù le accise"

Per calmierare il caro carburante il sindacato sollecita la cancellazione delle accise e la rimodulazione dell'Iva e invita gli autotrasportatori a un'azione comune: "Noi chiediamo agli autotrasportatori di sedersi a un tavolo insieme ai sindacati e alle associazioni datoriali, in modo da avere una piattaforma rivendicativa che prema sul governo per un intervento immediato".

I sindacati parleranno con i rappresentanti del governo martedì. Senza uno spiraglio, sarà mobilitazione sabato 19 marzo.