This content is not available in your region

Mobile World Congress 2022: il Metaverso è la grande sfida del futuro

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini  & Cristina Giner
Mobile World Congress 2022: il Metaverso è la grande sfida del futuro
Diritti d'autore  Joan Mateu Parra/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved   -  

Tra qualche anno quello che ci sembra ora fantascienza potrebbe davvero essere reale. Il Metaverso sta spopolando come abbiamo visto all’ultima edizione del Mobile World Congress 2022di Barcellona.

L'industria dell’hi-tech ormai ha gli occhi puntati sul Web 3.0, come spiega anche Cathy Hackl, grande esperta di realtà virtuale, ma anche autrice e consulente del Metaverso.

“Tutto ha avuto inizio dal web 1.0 ovvero l’internet dei contenuti. Da qui è partita la rivoluzione che ha cambiato molte cose. Con il Web 2.0 abbiamo visto sempre più persone connesse. Da qui sono nati i social media, ma anche l'economia condivisa e l'e-commerce. Ora viviamo in un’era che sta andando verso il Web 3.0, che connette persone, luoghi e cose. E questi soggetti potrebbero trovarsi in un mondo virtuale ma anche nel mondo fisico con un certo livello di potenziamento.”

È un'idea innovativa ma il termine Metaverso non è così nuovo. È stato coniato da Neal Stephenson in un romanzo di fantascienza del 1992. E’ una specie di realtà virtuale condivisa tramite internet, dove si è rappresentati in tre dimensioni attraverso il proprio avatar. Come in Matrix ci sarà una mix di realtà virtuale e realtà aumentata.

Sempre secondo Cathy Hackl le generazioni più giovani trascorrono molto più tempo a socializzare in spazi virtuali e questo è importante per loro. “E’ una specie di posto in cui si sentono a proprio agio. Io come molte altre persone il primo concerto è stato in uno stadio reale. Per mio figlio il primo concerto è stato quello del rapper Lil Nas X su Roblox, uno spazio virtuale ma che per lui era comunque reale. Pensava di essere a un concerto attraverso il suo avatar a guardare il suo artista preferito".

Realtà virtuale e rispetto della privacy

La domanda che tutti si pongono è quali regole etiche adottare in questa realtà digitale. Cristina Colom, Direttrice di Digital Future Society ci spiega che dobbiamo assicurarci che Metaverso, quando viene distribuito, sia accompagnato da elementi etici, e che sia sicuro. “Dobbiamo creare gli spazi dove interagiremo, dove potremo acquistare o vendere, dove potremo davvero divertirci ma nel rispetto dei nostri diritti come la privacy e la sicurezza, questi fattori devono essere garantiti e promossi".

Secondo gli esperti le discussioni sulla regolamentazione dei dati in questo mondo parallelo devono svolgersi ora e non tra dieci anni. Intanto sembra che il futuro risieda proprio nel Metaverso. Al momento è tutto in divenire ma la realtà virtuale sta diventando sempre più una componente della nostra vita.