This content is not available in your region

Ucraina: 33enne all'ex italiano: "se cadono anche voi morti"

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Telefonata choc tra napoletano e l'ex a Ternopil con loro figlio
Telefonata choc tra napoletano e l'ex a Ternopil con loro figlio

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">NAPOLI</span>, 28 <span class="caps">FEB</span> – “Se cadono le bombe moriamo tutti:<br /> moriamo noi, ma anche tu là, perché questa (la guerra, ndr)<br /> andrà (succederà, ndr) in tutto in tutto il mondo”. Sono parole<br /> che lasciano senza fiato quelle che Gennaro Palumbo, un<br /> commerciante napoletano di 38 anni, si è sentito dire ieri<br /> durante la telefonata con la sua ex compagna ucraina che si<br /> trova a Ternopil. Per Gennaro tutte conversazioni con la ex sono<br /> dolorose, perché rappresentano l’unica occasione per riascoltare<br /> la voce del figlio di 7 anni, che ora parla solo la lingua della<br /> madre, nato dalla loro relazione interrottasi diversi anni fa.<br /> Gennaro si sta battendo con tutti i mezzi che ha a disposizione<br /> per far tornare in Italia il bambino, che la lasciato Napoli<br /> quando aveva appena un anno e mezzo, ma ora è terrorizzato: teme<br /> che la guerra glielo possa portare via. Nel 2017 la 33enne, che<br /> si chiama Lesia, è riuscita a portarlo in Ucraina con un<br /> permesso temporaneo di espatrio e per questo, in Italia, è stata<br /> condannata a un anno e sei messi di reclusione per sottrazione<br /> internazionale di minore. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.