False fatture e corruzione,indagati due manager di Gardaland

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Sono il direttore generale e il direttore tecnico
Sono il direttore generale e il direttore tecnico

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">VERONA</span>, 25 <span class="caps">FEB</span> – Due dirigenti di Gardaland, il<br /> parco divertimenti di Castenuovo del Garda, risultano indagati<br /> nell’ambito di una inchiesta della Guardia di Finanza su un giro<br /> di fatture false e corruzione tra privati. A finire nel mirino<br /> delle fiamme gialle, come riporta il Gazzettino, sono il<br /> direttore generale del Parco, Danilo Santi, e il direttore<br /> tecnico Francesco Alessandro Giannotta. L’inchiesta sarebbe partita da alcune denunce da parte di<br /> ditte che lavorano all’interno di Gardaland o per i Gardaland<br /> Resort. Un giro di corruzione che avrebbe portato anche<br /> all’emissione di false fatture per lavori o servizi effettuati<br /> nel parco. Tra le ipotesi prese in considerazione dagli<br /> investigatori il fatto che i due manager possano aver fatto la<br /> ‘cresta’ sugli appalti, chiedendo anche alle imprese di gonfiare<br /> le fatture o di emetterne di false. In alcuni casi avrebbero<br /> imposto anche il taglio degli stipendi orari dei lavoratori<br /> impiegati per poi trarne un vantaggio economico ai danni<br /> dell’azienda, di proprietà del gruppo Merlin Entertainments<br /> Limiteds, leader in Europa dei parchi divertimenti e secondo<br /> operatore al mondo per numero di visitatori. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.