Scuola: Stati generali, oggi giornata conclusiva

Access to the comments Commenti
Di ANSA
In oltre 600 si stanno confrontando, 'è momento rivoluzionario'
In oltre 600 si stanno confrontando, 'è momento rivoluzionario'

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 20 <span class="caps">FEB</span> – Sono più di 600 gli aderenti agli<br /> Stati generali della scuola tra gli studenti di tutto il paese,<br /> oltre a 20 sigle tra realtà politiche e sociali, che da tre<br /> giorni – l’appuntamento si conclude oggi – stanno discutendo su<br /> come immaginare un altro modello di scuola. “Vogliamo cambiare<br /> radicalmente il ruolo che ad oggi svolge la scuola nel nostro<br /> paese – esordisce Luca Redolfi, coordinatore nazionale<br /> dell’Unione Degli Studenti, organizzazione studentesca<br /> promotrice dell’evento – le morti di Lorenzo Parelli e Giuseppe<br /> Lenoci, in meno di un mese, hanno evidenziato il dovere morale<br /> di ripensare il rapporto scuola -lavoro e scuola – società. I<br /> luoghi della formazione devono trasformare il sistema, non<br /> riprodurne le stesse logiche aziendalistiche e volte unicamente<br /> al profitto”. All’evento sono presenti anche gli studenti che<br /> hanno portato avanti le occupazioni e le mobilitazioni a Torino,<br /> Milano e Napoli. “Non ci fermeremo finché non cambierà – continua Alessandro Finetto, del Laboratorio Studentesco – a<br /> Torino, anche a seguito dei gravissimi atti di repressione<br /> subiti durante le mobilitazioni, abbiamo occupato quaranta<br /> scuole, riunendoci in assemblea per ripensare una nuova idea di<br /> istruzione, che sappia educarci al pensiero critico e non alla<br /> riproduzione continua di nozioni. Non ci fermeremo finché non ci<br /> saranno date risposte”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.