Lotta a baby gang, Padova stila lista di un migliaio di nomi

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Iniziativa del Prefetto che coinvolge sindaci Comuni hinterland
Iniziativa del Prefetto che coinvolge sindaci Comuni hinterland

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">PADOVA</span>, 12 <span class="caps">FEB</span> – Sono circa un migliaio i ragazzi<br /> tra i 14 e i 18 anni a rischio violenza presenti in un elenco<br /> stilato a Padova dalle forze dell’ordine per l’Osservatorio sul<br /> disagio giovanile nato su iniziativa della Prefettura. Uno<br /> strumento per vigilare e prevenire le ‘risse del sabato’ che<br /> spesso le baby gang progettano nello spazio più ampio della<br /> città, Prato della Valle. Episodi ultimamente anticipati dalla<br /> Questura – è stato così sabato 15 gennaio – che lavorando sulle<br /> chat e sui social era riuscita ad evitare, schierando i reparti<br /> mobili prima che i ragazzi venissero alle mani. Ma adesso, scrive il ‘Corriere’, il prefetto Raffaele Grassi,<br /> in un paio di riunioni operative, ha deciso di coinvolgere tutti<br /> i soggetti interessati alle politiche di lotta al disagio<br /> giovanile. A partire dai Comuni nei quali i ragazzi risiedono. <br /> Nel corso dell’ultimo vertice in Prefettura è uscito il dato che<br /> ha fatto scalpore: Polizia e Carabinieri hanno identificato<br /> circa un migliaio di ragazzi tra i 14 e i 18 anni, con relative<br /> generalità e luogo di residenza, che il prefetto ha segnalato ai<br /> rispettivi Comuni di residenza. Molti sono adolescenti che provengono da paesi della<br /> provincia, e tra loro tanti sono gli stranieri di seconda<br /> generazione. Un fenomeno che naturalmente non riguarda solo<br /> Padova, ma anche altre città: ieri a Oderzo (Treviso) la polizia<br /> è intervenuta per bloccare una rissa tra cinque ragazze<br /> minorenni, che si erano affrontate la notte precedente in una<br /> rissa ripresa da compagni e diffusa sui social network. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.