This content is not available in your region

Identificato un materiale quantistico, utile per l'energia

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Racchiude una doppia capacità
Racchiude una doppia capacità

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">TRIESTE</span>, 11 <span class="caps">FEB</span> – Identificato un materiale<br /> quantistico, che ha cioè due caratteristiche di tipo diverso e<br /> che potrebbe essere applicazioni importanti nel settore<br /> dell’energia. Descritto sulla rivista dell’Accademia delel<br /> Scienze degli Stati Uniti (Pnas), è stato studiato dall’Istituto<br /> officina dei materiali del Consiglio nazionale delle ricerche<br /> (Cnr-Iom) di Trieste, in collaborazione con le università<br /> americane di Princeton Rutgers University e della Louisiana,<br /> con il britannico Diamond Light Source e il Center for Quantum<br /> Frontiers di Taiwan. Il materiale si chiama EuSn2P2 le caratteristiche di<br /> multifunzionalità tipiche dei materiali quantistici, ossia<br /> materiali con proprietà elettriche e magnetiche che si<br /> influenzano reciprocamente. Per Giancarlo Panaccione, del<br /> Cnr-Iom, sono state dimostrate caratteristiche straordinarie del<br /> nuovo materiale, nel quale le proprietà quantistiche sono<br /> interconnesse a quelle elettriche, a seconda di ciascuno strato<br /> che lo compone. In ogni strato è infatti presente un diverso<br /> elemento, a seconda di quale le proprietà elettroniche di<br /> superfice cambiano con la proprietà magnetica. Non a caso, la<br /> caratteristica fondamentale dei materiali quantistici è questa<br /> loro conformazione, “chiamata ’2 in 1’ o addirittura ’3 in 1’<br /> cioè la capacità di incorporare caratteristiche diverse”.<br /> Panaccione ha ricordato che “lo studio delle interazioni tra<br /> proprietà elettrica e magnetica ha portato alla scoperta di<br /> nuove entità: le quasi-particelle”. Il campo dei materiali quantistici è in costante crescita e<br /> di enorme interesse per la gestione ottimizzata dell’energia e<br /> per altre applicazioni. “I risultati della ricerca non sono<br /> ancora applicabili direttamente ai dispositivi in uso, ma<br /> confermano che lo studio dei materiali quantistici apre la<br /> strada verso un vasto numero di applicazioni. Questi risultati<br /> costituiscono il passaggio dalla nozione per cui a un materiale<br /> corrisponde una funzionalità a quella del ‘all-in-one’, cioè<br /> l’idea di un materiale capace di realizzare funzioni anche molto<br /> diverse”, conclude Panaccione. “Le prime possibili applicazioni<br /> saranno l’efficientamento energetico e nella miniaturizzazione<br /> dei dispositivi elettronici del futuro”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.