Eutanasia: Vaticano, non ci sono vite da scartare

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Il messaggio all'evento organizzato dalle associazioni pro life
Il messaggio all'evento organizzato dalle associazioni pro life

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 09 <span class="caps">FEB</span> – Si assiste “alla promozione, a<br /> livello legislativo internazionale, dell’eutanasia e del<br /> suicidio assistito, fatto che rappresenta un vero cambiamento di<br /> paradigma nella cura dei malati nelle fasi terminali della<br /> vita”, come se ci fossero “vite da scartare”. Lo dice il<br /> Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, card.<br /> Luis Ladaria, in un messaggio ai partecipanti al convegno<br /> ‘Eutanasia, vite da scartare?’ organizzato da Pro Vita &<br /> Famiglia, Euthanasia Prevention Coalition e Family Day. Il<br /> Vaticano auspica che dibattiti come questo “possano offrire un<br /> autentico contributo a favore di una vera cultura della vita”. Al convegno ha partecipato il decano dei cardinali, Giovanni<br /> Battista Re: “Chi soffre e si trova in situazioni estreme – ha<br /> detto – ha certamente necessità di cure e farmaci, ma ha grande<br /> bisogno anche di amore, vicinanza, ascolto e sostegno.<br /> L’eutanasia va esattamente nella direzione opposta perché è un<br /> atto intrinsecamente ingiusto e crudele. Qualsiasi cooperazione<br /> ad eutanasia o suicidio assistito è un peccato grave perché<br /> contro la vita”. Dalle associazioni arrivano parole di ringraziamento per le<br /> parole del Papa, a condanna dell’eutanasia e del suicidio<br /> assistito: “Siamo grati per le chiarissime parole del Santo<br /> Padre contro la deriva eutanasica e il suicidio assistito.<br /> Speriamo che possano suscitare in tutti i parlamentari un<br /> supplemento di riflessione sull’iter del Testo Unico Bazoli”,<br /> afferma Jacopo Coghe, vicepresidente di Pro Vita & Famiglia. “Le<br /> parole del Pontefice – dice Massimo Gandolfini (Family Day) – ci<br /> esortano al massimo impegno affinché l’abbandono terapeutico dei<br /> fragili e la somministrazione della morte di Stato non diventino<br /> mai una realtà in Italia”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.