This content is not available in your region

Maturità: studenti, Cspi boccia la seconda prova

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Bianchi incontra le Consulte studentesche
Bianchi incontra le Consulte studentesche

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 08 <span class="caps">FEB</span> – Il Consiglio superiore della Pubblica<br /> Istruzione – il cui parere è solamente consultivo, non<br /> vincolante – dopo una lunga discussione avvenuta ieri, sarebbe<br /> pronto a chiedere al ministero dell’Istruzione guidato da<br /> Patrizio Bianchi di ripristinare il maxicolloquio solo orale<br /> alle medie e di non prevedere la seconda prova alla maturità,<br /> concordando invece con la prova scritta di italiano. E’ quanto<br /> rende noto la Rete degli Studenti Medi, secondo la quale si<br /> tratta di “un primo risultato delle mobilitazioni di venerdì<br /> scorso che hanno portato in piazza studenti e studentesse in<br /> tutta Italia”. “Il parere del Cspi ci indica che abbiamo ragione – dice<br /> Tommaso Biancuzzi, coordinatore della Rete degli Studenti Medi – abbiamo chiesto agli studenti e alle studentesse in tutto il<br /> Paese di mobilitarsi venerdì scorso contro una proposta fuori<br /> contesto e un atteggiamento del ministero antidemocratico. La<br /> risposta è stata più che positiva, con piazze in tutto il Paese.<br /> Oggi questo parere del Consiglio superiore, seppure non<br /> vincolante, ci indica che stiamo portando rivendicazioni giuste.<br /> Ora serve, a maggior ragione, mobilitarsi per chiedere al<br /> ministro di incontrarci. Venerdì 11 febbraio alle 16:00 saremo<br /> sotto al ministero dell’Istruzione e chiediamo a tutti gli<br /> studenti e tutte le studentesse di unirsi a noi.” Intanto già per oggi pomeriggio è previsto un incontro tra il<br /> ministro Bianchi e le consulte degli studenti. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.