This content is not available in your region

"Russia pronta al 70%. Finestra per l'invasione dell'Ucraina: dal 15 febbraio a inizio marzo"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Esercizi congiunti degli eserciti russo e bielorusso. Scatto realizzato il 2 febbraio in Bielorussia e diffuso dal Ministero della difesa russo
Esercizi congiunti degli eserciti russo e bielorusso. Scatto realizzato il 2 febbraio in Bielorussia e diffuso dal Ministero della difesa russo   -   Diritti d'autore  Ministero della difesa russo via AFP   -  

"Russia verso l'invasione. Ai confini ucraini il 70% delle truppe necessarie"

I primi contingenti USA arrivano in Germania per contrastare un'invasione russa dell'Ucraina che secondo Washington potrebbe ormai avvenire nella seconda metà di febbraio. Ufficiali statunitensi in condizioni di anonimato stimano che Mosca abbia ormai ammassato ai confini il 70% delle truppe necessarie a sferrare un attacco.

Mosca attende le gelate: la "campagna d'inverno" a partire da metà febbraio

La finestra più probabile per il via alle operazioni si aprirebbe secondo le stesse fonti tra il 15 febbraio e inizio marzo. L'ulteriore abbassamento delle temperature e le gelate che indurirebbero il suolo, permetterebbero infatto allora alla Russia di mobilitare più facilmente ulteriori mezzi pesanti, necessari all'invasione. A fronte dei 3.000 uomini in più - di cui il presidente americano Joe Biden ha annunciato l'invio in Europa orientale -, l'intelligence statunitense sostiene che l'esercito russo abbia ormai posizionato ai confini ucraini oltre 80 "battaglioni tattici": unità composte da un numero variabile tra i 750 e i 1000 uomini, una sessantina delle quali sarebbero arrivate solo nelle due ultime settimane.

Ministero della difesa russo via AFP
Esercitazioni congiunte dell'esercito russo e bielorusso. Scatto realizzato il 2 febbraio in Bielorussia e diffuso dal Ministero della difesa russoMinistero della difesa russo via AFP

La mobilitazione degli Stati Uniti

I primi contingenti USA destinati a ingrossare le fila delle truppe NATO sono intanto arrivati in Germania questo venerdì. Il Comando militare statunitense in Europa ha fatto sapere che si tratta del 18th Airborne Corps, unità aviotrasportata di stanza a Fort Bragg, per l'occasione incaricata di affiancare i 1700 paracadutisti che saranno inviati in Polonia. Secondo il Pentagono, altri 1.000 uomini verranno poi mobilitati dalla base tedesca di Vilseck per raggiungere la Romania.

L'Occidente sfila da Putin e Zelensky: la mobilitazione della diplomazia

Sempre più frenetica, per evitare il peggio, anche la mobilitazione della diplomazia. Il presidente francese Emmanuel Macron sarà lunedì a Mosca e martedì a Kiev: tappe che in un tentativo dell'ultimo minuto, ripeterà poi dal 14 febbraio anche il cancelliere tedesco Olaf Scholz.