Nuovi ritrovamenti nell'acropoli di Velia, polis della Magna Grecia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Scavi a Velia
Scavi a Velia   -   Diritti d'autore  AP Photo

Per le sue strade passeggiavano i discepoli di Parmenide e Zenone.
È Velia, una delle città più importanti della Magna Grecia, 40 chilometri a sud-est di Paestum. Una pagina di storia a cielo aperto, ancora tutta da leggere e scoprire. 

Le nuove scoperte a Velia

Lo scavo recentemente completato a Velia ha infatti portato alla luce i resti di un edificio, un paio di elmi in buone condizioni, alcuni vasi e dei frammenti di metallo, verosimilmente resti di armi. 

Secondo il direttore generale dei musei del Ministero dei Beni Culturali e delle attività culturali , Massimo Osanna, l'area esplorata probabilmente custodiva anche reliquie di offerte fatte ad Atena, la mitologica dea greca della guerra e della saggezza.

Negli scavi pezzi di storia del Mediterraneo

Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha spiegato che i resti sono stati riportati alla luce in quella che è stata l'acropoli di uno dei più vivavi centri della Magna Grecia.
Franceschini ha anche detto che le scoperte prodotte dallo scavo di Velia sottolineano l'importanza di investire nella ricerca archeologica per rivelare "pezzi importanti della storia del Mediterraneo".

La fondazione di Velia da parte di coloni provenienti dall'Asia Minore risale a circa il 540 a.C.