This content is not available in your region

Blinken: "Rischiamo un ritorno alla guerra fredda"

Access to the comments Commenti
Di Eloisa Covelli
Antony Blinken durante la conferenza stampa a Berlino
Antony Blinken durante la conferenza stampa a Berlino   -   Diritti d'autore  Bernd Von Jutrczenka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.   -  

La Russia rischia di riattualizzare i pericoli della guerra fredda. Lo dice a chiare lettereil segretario di Stato Usa, Antony Blinken, a Berlino per mettere a punto, assieme agli alleati europei, una strategia comune in caso la Russia invada l'Ucraina. Venerdì incontrerà il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, per cercare di risolvere la crisi con la diplomazia. Quello che vuole la Russia - ma che non otterrà mai - è la promessa di non fare entrare l'Ucraina nella Nato.

"Sappiamo che sarebbe un esito catastrofico se lasciassimo fare" ha detto Blinken nella conferenza stampa, riferendosi a una possibile invasione.

La Russia ha schierato le sue truppe lungo il confine e anche nel territorio bielorusso. Il governo di Kiev sostiene che Mosca abbia già sul terreno 127mila militari. Per questo mercoledì Blinken era a Kiev e gli Usa hanno già mandato 200 milioni di dollari per imbastire un'eventuale difesa, che altrimenti sarebbe impossibile, data la sproporzione tra i due Paesi.

L'idea che mettere a disposizione dell'Ucraina attrezzature militari di difesa da parte degli Usa, dei paesi europei o della Nato sia una provocazione è un modo di capovolgere la situazione
Antony Blinken
capo della diplomazia Usa

Secondo quanto ha rivelato il Wall Street Journal, gli Usa hanno inviato segretamente il capo della Cia, Bill Burns, a Berlino e a Kiev la settimana prima della visita del segretario di Stato, per convincere i paesi europei ad unirsi nella risposta a Mosca in caso di aggressione. Sembra facile ma non lo è perché l'Europa ha forti legami economici con la Russia, basti pensare all'approvigionamento di gas.

Gli Usa vorrebbero che - in caso di invasione dell'Ucraina - la Germania bloccasse il progetto del gasdotto Nord Stream 2, destinato al trasporto di gas naturale dalla Russia.

L'altra sanzione sul tavolo sarebbe l'esclusione di Mosca da Swift, il sistema per le operazioni finanziarie internazionali.

Alex Brandon/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Annalena Baerbock, ministra degli Esteri tedescaAlex Brandon/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

"Sulla sicurezza dell'Ucraina abbiamo una valutazione comune", ha detto la ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock in conferenza stampa. E anche sulle sanzioni, ha spiegato, c'è una posizione comune. La ministra però non ha confermato che si potrebbe bloccare il gasdotto.